Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Elsa Morante batte Giulia Tasca di Cutò e Trigona nella intitolazione della biblioteca comunale
Il padre della scrittrice pare sia nato a Santa Margherita di Belice
Elsa Morante batte Giulia Tasca di Cutò e Trigona nella intitolazione della biblioteca comunale admin
admin - domenica, 15 agosto, 2021
Visualizzazioni: 359
News [1423]

di Joseph Cacioppo

Non sempre è facile fare una scelta. Specialmente quando si ha a che fare con la storia, la letteratura e la memoria.

Sono temi di nicchia, per addetti ai lavori. Il grande pubblico preferisce “il grande fratello”. Succede così che alcune scelte vengono recepite con distrazione. A maggior ragione se una scelta in questo campo avviene nei giorni torridi di un agosto particolarmente caldo.

A Santa Margherita di Belice si è deciso di intitolare la biblioteca comunale. E già questa è una scelta. Perché in piena estate, verrebbe da chiedersi? La risposta più semplice la si ritrova nel cartellone delle manifestazioni estive: può diventare un evento. Un momento ludico che concilia l'intrattenimento con la letteratura.

Ad indirizzare la scelta sembra essere stata una data: 1876. L'Italia è già stata unità da Cavour, Mazzini e Garibaldi. Lo Stato Pontificio, quale entità storico-politica, era stato archiviato e Roma era divenuta la capitale d'Italia.

Ma il 1876 non ha nulla a che vedere con la Storia con la “S” maiuscola, essa attiene a due nascite avvenute a Santa Margherita di Belice, piccolo centro belicino divenuto famoso per il terremoto del gennaio 1968, prima, e per la produzione di fichidindia ed il legame con il romanzo “Il Gattopardo”, dopo.

Adesso il paese del Cafè House punta ad avere due padri nobili nel mondo letterario. La biblioteca comunale, infatti, sarà intitolata a Elsa Morante, che andrà ad affiancare Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Due grandi della letteratura del '900.

Ma cosa c’entra il 1876, visto che Elsa Morante è nata nel 1912? E cosa lega la moglie di Alberto Moravia al paese del Cafè House?

Andiamo con ordine. Nel 1876 a Santa Margherita di Belice sono nati due bambini: Giulia Mastrogiovanni Tasca di Cutò (zia di Giuseppe Tomasi di Lampedusa) e Augusto Morante (padre anagrafico di Elsa Morante).

Giulia Tasca di Cutò, come confermano diversi libri dedicati alla sua storia, viene indicata come la prima donna (illustre) vittima di femminicidio nonché esempio di femminismo. Fu uccisa a Roma dall’amante che aveva deciso di lasciare. La tragica morte fece scalpore perché Giulia era dama di corte della regina oltre che ammirata signora dei ricevimenti dei Florio.

L’amante della nobildonna era un “farfallone attratto dalla vivida luce della lanterna dei Florio”, come lo definì Tomasi di Lampedusa.

Augusto, invece, è figlio di Donantonio Vincenzo Morante, di Castel di Ieri (Aquila) e Antonia Buccola di Mezzojuso (Palermo).

Due mondi diversi, dunque, che si ritrovano nelle opere letterari degli autori ai quali Giulia e Augusto rimandano. Giuseppe Tomasi di Lampedusa narra del mondo aristocratico, Elsa Morante preferisce quello piccolo borghese che sembra rifarsi a Verga e Kafka.

Con l’intitolazione della biblioteca comunale a Elsa Morante sembra che si sia fatta una scelta di campo: archiviare il mondo aristocratico a favore di quello piccolo borghese. Tutte le scelte vanno accettate, anche se dalle promotrici dell’iniziativa ci si sarebbe aspettata un qualche affinità alle idee di libertà espresse da Giulia Tasca di Cutò.

Ma, si sa, la storia la scrive chi vince. Resta da capire come coabiteranno a Santa Margherita di Belice, due autori di mondi diversi. Il dibattito letterario dovrebbe essere assicurato.  

                           
Articoli Correlati
di Joseph Cacioppo Non sempre è facile fare una scelta. Specialmente quando si ha a che fare con la storia, la letteratura e la memoria. Sono temi di nicchia, per.... Sarà presentato sabato 25 agosto, ore 20,30, l'ultima fatica letteraria di Andrea Radazzo. "La Regina di Inico", questo il titolo del romanzo dello scrittore.... Sarà intitolata a Lilli Saladino la biblioteca dell’Istituto comprensivo “G. Tomasi di Lampedusa” di Santa Margherita di Belice..... Sarà intitolata al giudice Rosario Livatino, martire della mafia, l'aula consiliare del Comune di Santa Margherita di Belice. La cerimonia di intitolazione è.... di Mimma Guzzardo I bambini sono sempre speciali: ti fanno un pò disperare quando devono affrontare qualche prova e quando devono impegnarsi, ma, appena arriva il....