Online il nuovo sito de "L'Araldo"
L'Ogliastro per il mito, di Salvatore Maurici. Se ne parla questa sera alla Nivina
La natura agli occhi di un poeta si trasforma in mitologia. Le sculture in pietra fanno il resto
L'Ogliastro per il mito, di Salvatore Maurici. Se ne parla questa sera alla Nivina admin
admin - sabato, 25 luglio, 2020
Visualizzazioni: 329
News [1395]


di Joseph Cacioppo

 

I luoghi sono fonte di ispirazione per ogni artista. La “Nivina” deve esserla sicuramente per Salvatore Maurici e Simona Tavella. La “Nivina”, un fazzoletto di terra con un piccolo rustico posto a nord di Sambuca di Sicilia, è sicuramente il buen retiro del poliedrico Salvatore Maurici, letterato “per caso”. Un “sito” che, se d’inverno dorme, con il bel tempo diventa teatro, salotto, palcoscenico. Non c’è biglietteria. Si accede solo per inviti.

La scenografia è originale: il fazzoletto di terra è “punteggiato da alberelli disposti in un gradevole disordine”. La stradella di accesso è costeggiata da “pietre d’autore”.

Al centro del piccolo podere c’è un grande “agghiastru” che sembra abbracciarsi con un olivo ed un grande masso.

Ed è questo “abbraccio” della natura che ha ispirato l’ultimo lavoro di Salvatore Maurici: “L’Ogliastro per il mito”. Una ballata dedicata a quell’agghiastru secolare che per l’autore sembra rappresentare un angelo protettore o, per restare nel campo della mitologia, una sorta di congiuntura protettiva come quella di cui ha beneficiato Perseo, figlio di Zeus e Danae.

L’eroe mitologico che per “toglierlo dai piedi” del futuro patrigno fu mandato dal re Polidette a tagliare la testa a Medusa per portargliela come dono di nozze.

Ecco allora che l’ogliastro della Nivina sembra fornire a Salvatore Maurici quegli stessi mezzi “speciali” forniti a Perseo per raggiungere il suo obiettivo.

Da portainnesto dell’ulivo, l’Ogliastro della Nivina ha assunto un ruolo autonomo. Ha messo radici in mezzo ad una roccia sopravvivendo ad essa, avvolgendola, sopraffacendola. Fino ad abbracciare anche l’ulivo cresciuto nelle vicinanze.

Stimolando l’autore de “L’Ogliastro per il mito” a fare la stessa cosa. Anzi di più.

Salvatore Maurici deve aver accettato la sfida. E con scalpello e martello ha cominciato a “togliere il superfluo” alle pietre della Nivina, dando loro forma e anima.

Non parliamo di “levigare la pietra grezza”, non fa parte della cultura del “cantore” sambucese delle tradizioni popolari. Ma di dare forma mitologica a quelle pietre che costeggiano la stradella che conduce all’Ogliastro, ormai diventato “eroe” della Nivina.

De “L’Ogliastro per il mito” e di “C’è l’Eden? Alla Nivina sicuro” si parlerà stasera in una sorta di teatro naturale della Nivina, a due passi dell’agghiastru secolare.

Un posto da “dei”, verrebbe da dire. Da sotto l’Ogliastro si vede, dall’alto, il paese di Sambuca di Sicilia disteso lungo la collina e, un po’ più oltre, il lago Arancio ed il bosco della Risinata.

La ballata “L’Ogliastro per il mito” contiene illustrazioni di Pino Terracchio. La prefazione è di Maurizio Vitale, mentre la postfazione è di Simona Tavella.

L’altro testo, invece, è stato curato da Matteo Amodei con foto e versi di Salvatore Maurici.

                           
Articoli Correlati
di Joseph Cacioppo “Nivina 2019”, ovvero un cenacolo letterario di iniziativa privata. Una rarità di questi tempi, dove ogni manifestazione culturale.... L’estate è anche vetrina per i libri. Per le presentazioni. Per i salotti o i caffè letterari. Non vi è rischio di assembramento. Le presenze, quando....   di Joseph Cacioppo   “La ballata dell’amore impossibile”, di Salvatore Maurici, è una pubblicazione di poche pagine. Forse solo un.... "Socialismo in Sicilia", questo il titolo del libro di Gaspare Saladino che, sabato 28 novembre ore 17,30, sarà presentato a Palermo presso la Mondadori di via Ruggero.... Continua l'opera di composizione della macchina amministrativa dell'esecutivo di Franco Valenti, sindaco di Santa Margherita di Belice. Il consiglio comunale, nella seduta di....