Online il nuovo sito de "L'Araldo"
L'egoismo al tempo del coronavirus. Anche a S. Margherita di Belice
Sospiro di sollievo, da centinaia di margheritesi, nell'apprendere che un loro concittadino risultato positivo si trova fuori provincia
L'egoismo al tempo del coronavirus. Anche a S. Margherita di Belice admin
admin - lunedì, 30 marzo, 2020
Visualizzazioni: 813
News [1383]


AAA Cercasi solidarietà. In tempi di coronavirus l’ipocrisia ha gettato la maschera. A tutti i livelli.

Applaudiamo l’aereo che riporta in patria il diciassettenne bloccato in Cina da un normale stato influenzale. Ma poi vogliamo bloccare chi rientra in Sicilia. Stiamo in ansia per i nostri ragazzi che hanno difficoltà a rientrare dai Paesi dove partecipavano al progetto Erasmus. Ma poi rifiutiamo l’attracco a navi che ospitano anche italiani.

Succede anche che un margheritese risulti positivo al contagio, probabilmente contratto a Sciacca. E la circostanza non fa notizia. Poi arriva la notizia di un altro contagio. Ed il popolo di facebook si appassiona al caso.

Il primo cittadino, Franco Valenti, si affida al web per chiarire, con un video, che il secondo margheritese risultato positivo agli esami, al momento del contagio non si trovava in paese ed attualmente è ricoverato fuori provincia.

Non è chiaro se la finalità del video fosse quella di dire: scampato pericolo per i margheritesi che risiedono in paese o se volesse essere un invito a stringersi con calore attorno alla famiglia del compaesano. 

Centinaia i like sul video del post. Parecchie diecine i commenti. Tutti rivolti a dimostrare pubblicamente la loro gratitudine al sindaco che li ha informati che il margheritese non si trova in paese. Una notizia liberatoria.

Come dire: si trova fuori provincia? Meno male. Per noi.

Nessuno ha dedicato un rigo per manifestare la propria vicinanza al margheritese alle prese con il coronavirus e alla sua famiglia. Nemmeno un commento è stato indirizzato al compaesano. Nemmeno uno. Neanche per sbaglio. Tutti concentrati a ringraziare il sindaco per la “bella” notizia. Rassicurante. Per noi.

Si, restiamo a casa. Imponiamoci l’isolamento fisico. Perché con il cuore ci siamo già isolati da un pezzo.  Anche su facebook. Magari commuovendoci con l'esempio di Papa Francesco che seguiamo in televisione o sul web.

                           
Articoli Correlati
di Martina Zanella (*)   Gli italiani che in questo periodo stanno bene, per cercare di gestire lo stress legato all’isolamento ed alle restrizioni, si sono.... di Joseph Cacioppo   Il prof. Gaspare Gulotta, in un passaggio della sua intervista a SiciliaUno, ha messo i puntini sulle “i” su quella che è la.... Un contributo di 500 euro a fondo perduto per le attività commerciali e artigianali di Montevago che hanno subito dei danni dall’emergenza sanitaria. E’.... La solidarietà in tempo di coronavirus muove i primi passi a Santa Margherita di Belice. L’iniziativa arriva da un imprenditore che opera nel campo della....   di Joseph Cacioppo   “Ma la cosa eccezionale, dammi retta, è essere normale”, cantava Lucio Dalla in “Disperato erotico stomp”, la....