Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Disfunzione erettile: come viene vissuta dalla donna e dalla coppia
I consigli della sessuologa su come affrontare il problema
Disfunzione erettile: come viene vissuta dalla donna e dalla coppia admin
admin - mercoledì, 19 febbraio, 2020
Visualizzazioni: 1361
LiberaMente [35]

 

di Martina Zanella (*) 

 

La disfunzione erettile è definita come la costante incapacità nell’uomo di raggiungere e/o mantenere un’erezione adeguata per portare a termine un rapporto sessuale soddisfacente. Quando essa insorge all’interno di una coppia, indipendentemente che sia di natura psicologica o fisiologica, le reazioni e le emozioni che investono la partner femminile possono essere molto diverse. “E’ colpa mia, non gli piaccio più” sono frasi che sento costantemente all’interno del mio studio. La donna tende ad auto colpevolizzarsi, a pensare di non essere più attraente per il partner, oppure inizia a farsi strada nella sua mente il sospetto di un’amante. Il timore di una femminilità perduta o quantomeno diminuita, spesso in seguito a gravidanza o menopausa, oltre alla paura di essere tradita o peggio abbandonata, rappresentano le angosce più comuni nell’universo femminile. Le reazioni di rabbia e frustrazione legate all’insoddisfazione sessuale ed all’impotenza emotiva che comporta questa disfunzione sono oltremodo frequenti. Il disagio emotivo che ne deriva è spesso così profondo da intaccare l’autostima ed il benessere in generale.  Sia l’uomo che la donna vivono profonde ed intense emozioni di fronte alla disfunzione erettile; in questo articolo ci concentreremo sul vissuto femminile e sulla sua importanza.


Se non affrontata in tempi brevi, la disfunzione erettile comporta importanti modificazioni relative alla qualità generale della relazione di coppia, non solo rispetto alla sessualità. La delusione e la frustrazione portano ad una diminuzione del desiderio sessuale e della ricerca del partner. Un semplice bacio o abbraccio possono essere visti come “minaccia” e di conseguenza limitati per il timore di mettere l’uomo a disagio. Anche la comunicazione subisce dei cambiamenti; le battute ed i discorsi su sesso ed erotismo vengono evitati, poichè rimandano alla propria situazione di insoddisfazione, incertezza e tristezza. Parlare di sessualità in coppia significa condividere energia, passione, complicità e comunicazione. Così come la comunicazione e l’atteggiamento maschile influenzano notevolmente la sessualità, anche il ruolo della donna appare fondamentale nel favorire o rovinare l’approccio sessuale. Le tensioni ed i conflitti di coppia, legati o svincolati alla disfunzione erettile, portano a sviluppare atteggiamenti lesivi all’intimità sessuale. Il sesso rischia di diventare un’arma per punire, umiliare o forzare il partner. Nel momento in cui si accede alla presa in carico sessuologica da parte del professionista, un alto livello di frustrazione e rabbia impediscono l’evoluzione positiva della terapia manifestandosi attraverso il rifiuto del dialogo e della presa in carico condivisa. La frase che sento più spesso pronunciare da donne arrabbiate e stanche della situazione è “non ne posso più, non è un mio problema, ora tocca a lui.”


Di fronte alla disfunzione erettile, la reazione femminile appare diversificata in base all’importanza che la donna attribuisce alla sessualità. Quando la soddisfazione sessuale è ritenuta essenziale per il benessere sia individuale che di coppia, nonostante le difficoltà la partner cerca di mantenere elevato il desiderio sessuale, spingendo il compagno a risolvere il problema e spesso veicolando la cura come condivisa, non come “problema unicamente maschile”. Le coppie che possono contare su una buona intesa sessuale e su una buona qualità della comunicazione precedente all’insorgenza del problema, affrontano il disagio emotivo e sessuologico in tempi brevi ed insieme. Anche se gli effetti emotivi sono visibili, la coppia non abbandona del tutto la passione, distogliendo l’attenzione dalla penetrazione e reinventando una sessualità sostenibile oltre che compatibile con la disfunzione stessa. Questa tipologia di coppia è fortemente motivata nel chiedere aiuto e ad investire tutte le energie necessarie per individuare una risoluzione. Al contrario, quando da parte della donna vi è uno scarso interesse e desiderio per la sessualità precedente o concomitante alla disfunzione, vi è la tendenza ad evitare l’argomento “sessualità e disfunzione”; in particolare la disfunzione erettile viene utilizzata come motore di rinforzo alla convinzione che la sessualità non sia importante ne per se ne per la coppia. Se alla scarsa motivazione aggiungiamo il fatto che anche la partner femminile soffre di una disfunzione sessuale (come ad esempio anorgasmia o vaginismo), generalmente viene fortemente limitata la ricerca di una soluzione condivisa, in quanto comporterebbe un mettersi in discussione da ambo le parti, non solo dal versante maschile. Per evitare la presa in carico del problema la donna tende a mostrarsi eccessivamente comprensiva, spesso assumendosi in toto la responsabilità della disfunzione del partner pur di distogliere un’eventuale attenzione a lei.


Ecco infine alcuni “strumenti” che la donna può utilizzare per affrontare le tematiche disfunzione erettile e ricerca di una soluzione con il proprio compagno:

  • Conoscere il significato che entrambi i partner attribuiscono alla disfunzione;
  • Accogliere le difficoltà di entrambi, dando la giusta importanza a bisogni e sentimenti;
  • Evitare il più possibile il giudizio e la critica distruttiva;
  • Favorire la condivisione delle emozioni, anche quelle “difficili” come la rabbia;
  • Comunicare la propria preoccupazione verso il suo stato di salute;
  • Condividere il bisogno sessuale e l’importanza di una sessualità soddisfacente in coppia;
  • Collaborare insieme nella ricerca di un professionista adeguato;
  • Prendersi sempre cura di se. Se il partner non condivide la necessità di una cura adeguata, appare di fondamentale importanza portare il confronto ad un livello diverso legato alla stabilità e continuità futura della coppia.

 (*) Psicoterapeuta – Sessuologa

www.martinazanella.it

                           
Articoli Correlati
di Martina Zanella “Un giorno Zeus ed Era si trovarono divisi da una controversia: chi potesse provare in amore più piacere: l’uomo.... di Martina Zanella “… pur essendo sposata da un quarto di secolo, era ancora vergine… Tutto il suo corpo si stava irrigidendo in modo intermittente e.... S. Margherita di Belice capitale della danza? I numeri per affermarlo ci sono tutti. Floriana Bilello, in coppia con Calogero Sabella, ha conquistato il titolo mondiale, nella....   di Martina Zanella (*) Se parliamo del sentimento d’amore come ‘uno stato dinamico che comprende i bisogni di entrambi i partner e le loro.... “…e il corpo fu oltraggio!” di Margherita Ingoglia, partecipa, sabato 14 giugno alle ore 18,00 a Sciacca, presso la Badia Grande, a San Michele, al festival....