Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Il capestro, di Angelo Vecchio: un romanzo noir sull'usura
Il capestro, di Angelo Vecchio: un romanzo noir sull'usura admin
admin - sabato, 8 febbraio, 2020
Visualizzazioni: 519
Cultura&Turismo [87]

Ci sono mille modi per raccontare le piaghe sociali. Angelo Vecchio, giornalista e scrittore, per parlare di usura ha utilizzato un romanzo noir, ambientato a Palermo.

“Il capestro”, Mohicani Edizioni, narra la storia di una vittima di usura che si trasforma in un personaggio misterioso.

Un uomo come tanti, con tante idee e molti progetti. Poi un giorno succede l’imprevisto. E la sua vita interiore cambia, anche se l’apparenza non ne risente.

Angelo Vecchio è un cronista di nera per vocazione e nelle storie dei suoi libri attinge a piene mani dalla cronaca concedendo poco alla fantasia.

Il contesto storico è quello dei legami tra mafia e politica. E poi ci sono i soldi, che prevalgono sull’amore.

Angelo Vecchio è autore di diversi saggi sulla mafia. Per Mohicani Edizioni ha pubblicato “Mafia: una storia per immagini” e “I segreti di famiglia”. Per il teatro si è occupato della controversa uccisione di Salvatore Giuliano e dell’avvelenamento di Gaspare Pisciotta nel carcere dell’Ucciardone, nonché della cantante folk Rosa Balistreri.

                           
Articoli Correlati
Massimo Liberti non è certo James Bond. Le donne che incontra nel corso delle sue operazioni di intelligence sono bellissime ma, diversamente dall'approccio di 007,.... Verrà presentato oggi, lunedì 28 aprile, alle ore 18,00 l'ultimo romanzo di Enzo Randazzo. La presentazione del romanzo "Sicilia my Love", con invito alla lettura.... Il dito nella piaga lo ha messo Nino Cangemi nel corso della presentazione di “Caramelle carruba”, l’ultimo romanzo di Vito Falco, Giambra Editore, svoltasi a.... Gli argomenti trattati da Angelo, abbracciano circa 2.500 anni di storia e mirano a mettere in luce avvenimenti e personaggi, che riguardano esclusivamente la storia della.... di Joseph Cacioppo   “Càuru” o “cauvuru”? Il “caldo” in siciliano ha tante sfumature di pronuncia. E non ci riferiamo solo....