Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Il Re è nudo: la ricostruzione della Valle del Belìce non è stata ancora completata
A denunciarlo è stato il sen. Pippo Montalbano dal palco di Kaos, il festival dell'editoria e della legalità che si chiude oggi a Sambuca
Il Re è nudo: la ricostruzione della Valle del Belìce non è stata ancora completata admin
admin - domenica, 26 gennaio, 2020
Visualizzazioni: 1081
News [1399]



C’è ancora chi ha il coraggio di dire che il re è nudo: la ricostruzione post terremoto nella Valle del Belìce non è stata ancora completata.

Nel silenzio assordante di sindaci e parlamentari, in questo 52-esimo anniversario del sisma del gennaio 1968 che sconvolse i 21 paesi feudali situati sul territorio dove si incontrano le tre province di Agrigento, Palermo e Trapani, il sen. Pippo Montalbano è stato chiaro: l’opera di ricostruzione non è stata ancora completata.

Montalbano è stato sindaco di Sambuca di Sicilia e poi parlamentare nazionale, proprio nel periodo tragico in cui la natura da un lato e l’impreparazione politica dall’altro lato misero in ginocchio quel territorio che subito dopo la fine del medioevo vide nascere, per citare solo i centri belicini: Menfi, Santa Margherita di Belìce, Sambuca di Sicilia e Montevago.

I ricchi mercanti dell’epoca riuscirono ad acquisire un titolo nobiliare attraverso la fondazione di abitati e i matrimoni combinati. Dopo tre secoli e mezzo, la zampata del terremoto mise alla prova gli abitanti di quel territorio.

Il silenzio di tanti amministratori locali e la “timidezza” degli attuali parlamentari eletti dal territorio dimostra che 400 anni sono passati invano. Nel periodo feudale il titolo aristocratico si acquisiva dopo la concessione della licentia populandi, dopo 52 anni il titolo di parlamentare non è legato da nessun vincolo alla avvenuta ricostruzione di questi stessi Comuni.

L’intervento del sen. Pippo Montalbano ha trovato ospitalità nello spazio concesso, al Lions Club Sambuca-Belice presieduto da Teresa Monteleone, all’interno della tre giorni di Kaos, il festival itinerante dell’editoria che prova a coniugare libri e legalità. Festival itinerante che questo anno si è svolto a Sambuca di Sicilia dal 24 al 26 gennaio. Nei locali di palazzo Panitteri, ovviamente, e non al “trasferimento”, la zona di espansione di Sambuca realizzata a seguito del sisma del gennaio 1968.

                           
Articoli Correlati
Il Giro d’Italia arriva nella Valle del Belìce con la sua quinta tappa: Agrigento-Santa Ninfa. Così facendo omaggia sia la Valle del Belice, nel 50°.... di Joseph Cacioppo Un'occasione mancata quella della ricorrenza del sisma che, nella notte tra il 14 ed il 15 gennaio, portò morte e distruzione nella Valle del.... La ricostruzione post sisma del gennaio 1968, a Santa Margherita di Belice, dopo 50 anni non è stata ancora completata. A metterlo nero su bianco, in una nota a firma.... La giunta regionale di Rosario Crocetta ha deliberato la costituzione di una Commissione per la Valle del Belice. Nella sezione Territorio&Burocrazia il testo integrale.... di Joseph Cacioppo Che fine ha fatto la Commissione parlamentare d’inchiesta istituita dal Senato della Repubblica, con delibera del 10 novembre 2016, sullo stato....