Online il nuovo sito de "L'Araldo"
I figli del deserto, di Nonuccio Anselmo. Ovvero cosa succede se un arciprete si mette contro sant'Onofrio 'u pilusu'
Una storia surreale. Uno spaccato siciliano del dopoguerra. Mohicani Edizioni
I figli del deserto, di Nonuccio Anselmo. Ovvero cosa succede se un arciprete si mette contro sant'Onofrio 'u pilusu' admin
admin - mercoledì, 8 gennaio, 2020
Visualizzazioni: 439
News [1357]

 

di Joseph Cacioppo

 

Cosa succede se un arciprete si mette contro sant’Onofrio? Non per capriccio, si capisce. Ma, si sa, la morale dipende dal luogo e dal tempo. E la storia “I figli del deserto”, che Nonuccio Anselmo racconta per “Mohicani Edizioni”, è ambientata – e non poteva essere diversamente – nella Sicilia del feudo all’indomani della seconda guerra.

Il santo in questione è sant’Onofrio Anacoreta, patrono di Palermo assieme a Santa Rosalia, ritenuto protettore di chi cerca oggetti smarriti, nonché delle donne che cercano marito e degli studenti che hanno problemi di studio.

Se poi si introduce anche uno scontro tra sant’Antonio abate e san Calogero, ovvero tra i suoi devoti (visto che i santi non litigano), allora la vicenda si complica e la storia dei tre “padri del deserto” si fa intrigante.

Una storia surreale. Che mette a nudo il ruolo delle confraternite. Un finto incidente, un sequestro di persona, un processo che richiama il teatro dell’assurdo. E per venire a capo della matassa si mobilitano un maresciallo dei carabinieri e un capitano (e si, anche i piccoli centri hanno un graduato con tre stelle) dei vigili urbani. Un “investigatore”, il capitano, che di surreale non ha solo il nome Santocanale Santo.

Nonuccio Anselmo, giornalista da una vita, nato a Palermo ma vissuto da giovane a Corleone, pare essersi divertito a scrivere il romanzo. Attinge a piene mani a quelli che sono i detti siciliani sul tema: “chi parrini, senticci a missa e stoccaci i rini”, “ca senza sordi non si canta missa”. Rispolvera alcuni termini in dialetto siciliano in via di estinzione. E fruga nell’animo umano del siciliano per il quale l’apparire conta più dell’essere. Anche in materia sessuale.  

 

                           
Articoli Correlati
di Joseph Cacioppo “Scarafaggi maculati” è “una specie di giallo, anche se non c’è il morto, Ci sono però tanti.... di Joseph Cacioppo “Scarafaggi maculati” è “una specie di giallo, anche se non c’è il morto, Ci sono però tanti.... di Joseph Cacioppo Leggendo “L’erba nera della notte”, di Nonuccio Anselmo (Mohicani edizioni) sorge un dubbio: perché il Gattopardo è.... Cosa si prevede per il dopo Sogeir? Ovvero chi gestirà il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani per i Comuni di Santa Margherita di Belice e Montevago? Se ne.... Nell'era dei selfie, l'apparire diventa prioritario rispetto all'essere. Succede anche nella segnaletica stradale. Succede a S. Margherita di Belice. Dove ci sono i "divieti di....