Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Cibo, Amore e Sessualità
Sessualità...parliamone della Dr.ssa Martina Zanella
Cibo, Amore e Sessualità admin
admin - venerdì, 25 ottobre, 2019
Visualizzazioni: 639
LiberaMente [31]


di Martina Zanella


Quando si riflette sui legami tra alimentazione e sessualità, spesso si finisce a parlare di afrodisiaci: una mera banalizzazione, oppure un tentativo per non vedere che le radici di questo rapporto risiedono nell’inconscio di tutti noi. Cibo e sesso vivono accoppiati nel cuore e nella pancia, non solo nella nostra testa. Passiamo circa quindici anni della nostra esistenza da svegli a mangiare, ci mettiamo a tavola in media centomila volte nel corso della nostra vita. Spiacevole da affermare ed impossibile da calcolare, all’erotismo purtroppo non dedichiamo lo stesso tempo. Tanto diversa è la frequenza con cui ci interessiamo a cibo e sesso, quanto misterioso è il loro legame nel nostro immaginario.

Sebbene generalmente la loro relazione venga vista in termini di trasgressione e fisicità, pochi sanno che il compito principale che affidiamo all’alimentazione ed alla sessualità è la mediazione dei sentimenti. Questo legame permette di apprendere e regolare le emozioni, tra cui rabbia, noia, gioia e tristezza. Prendendo ad esempio le prime esperienze di vita, attraverso il seno, la madre non da solo il latte al bambino, ma mostra una delle prime manifestazioni del suo amore.

Cibo e sesso sono inoltre legati dall’aspetto simbolico della socialità, poiché fare l’amore, al pari del mangiare, è un modo di comunicare che trascende dal puro contatto tra i corpi, oltre che uno strumento di potere. Come tutti i comportamenti privati, anche alimentazione ed erotismo sono imbrigliati in una rete di regole sociali che hanno la funzione di istituzionalizzare, ritualizzare, canalizzare e spesso soffocare l’istinto. La richiesta di autocontrollo, impartita dalle regole sociali, è in costante oscillazione tra essere guida per favorire libertà e l’eguaglianza e/o strumento di repressione.

Amare e mangiare rappresentano infine dei piaceri intensi ed appaganti, naturali e generalmente alla portata di tutti, fondamentali per la sopravvivenza e l’evoluzione. Rispetto al rapporto di coppia poi, esso si definisce anche dal rapporto che c’è tra i partner sia a tavola che sotto le lenzuola. Sono bisogni che soddisfiamo con uguale ritmicità, anche se la frequenza è ovviamente diversa, oltre ad essere entrambi attività caratterizzate dalla sensualità.

Pensando al senso di sazietà, esso è allo stesso livello in entrambe le attività, a dimostrare che i meccanismi regolatori agiscono in entrambe le situazioni, non solo a livello di pancia ma anche nel cervello. A livello anatomico il sistema limbico, conosciuto anche come “cervello emotivo”, in modo particolare l’amigdala, è implicato, insieme all’ipotalamo, nella regolazione del comportamento alimentare, sessuale, nell’espressione delle emozioni di rabbia e paura e nel controllo della motivazione. Queste basi anatomiche spiegano la stretta relazione che intercorre tra l’atto di alimentarsi e la sfera della sessualità oltre alla forte centralità che hanno le emozioni su queste due dimensioni del comportamento umano.

In conclusione, mangiamo e facciamo l’amore per le più svariate ragioni psicologiche:

  • Per piacere;
  • Per calmare la depressione;
  • Per convivialità
  • Per tessere legami sociali e commerciali;
  • Per festeggiarci;
  • Per punirci.

Sesso e cibo possono farci bene o male, tutto dipende dal rapporto che abbiamo con queste attività/bisogni fondamentali nella nostra vita.

 

 

Bibliografia:

W. Pasini (1998), “Il cibo e l’Amore”. Arnoldo  Mondadori Editore.

Nota:

Amigdala: struttura a forma di mandorla situata nella regione rostromediale del lobo temporale, fa parte del sistema limbico. Tra le sue funzioni processa tutto ciò che ha a che vedere con le nostre reazioni emotive ed integra le emozioni con i modelli di risposta corrispondenti a livello fisiologico e comportamentale.

Ipotalamo: struttura cerebrale facente parte del sistema limbico che, tra le varie sue funzioni, organizza i comportamenti più importanti legati alla sopravvivenza della specie: lotta, alimentazione, fuga e riproduzione.

 

Sex Burger Painting by John Kilduff

 

 

 

 

 

 

                           
Articoli Correlati
Il binomio cibo e letteratura ritorna ancora una volta e come sempre è vincente. Perché il cibo è memoria, arte, vita quotidiana. Anche Licia Cardillo Di.... di Laura Bonelli La Mindfulnes è una disciplina olistica che sintetizza studi psicologici e neuroscienza con le tradizioni mistiche orientali, dando modo a chi la.... di Martina Zanella Perché parlare di sessualità? Siamo costantemente bombardati da immagini, filmati, informazioni di stampo sessuale, tuttavia quando si.... di Laura Bonelli Un viaggio in una delle isole più belle del mondo, la nostra Sardegna, attraverso un cibo tipico di quella regione: il pane carasau. Una sfoglia.... di Sara Azzali Iniziare e sostenere un regime alimentare sano è una vera e propria sfida. Quante settimane sono iniziate posticipando a quella successiva il buon....