Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Quel duello tra l'autore di Don Chisciotte ed il poeta siciliano Antonio Veneziano, raccontato da Francesco Randazzo
"I duellanti di Algeri", Graphofeel Editore: il romanzo è una sorta di inno alla conoscenza ed alla libertà di pensiero
Quel duello tra l'autore di Don Chisciotte ed il poeta siciliano Antonio Veneziano, raccontato da Francesco Randazzo admin
admin - venerdì, 20 settembre, 2019
Visualizzazioni: 235
News [1324]

 

di Joseph Cacioppo

 

E si, Francesco Randazzo deve essere proprio un gran briccone. Almeno questo è quello che emerge leggendo il suo “I duellanti di Algeri” (Graphofeel Edizioni). Un romanzo che si sviluppa su diversi piani di narrazione destinati a intersecarsi ed a incuriosire il lettore. I due “ignari” protagonisti del romanzo sono Miguel Cervantes, futuro autore del Don Chisciotte, e Antonio Veneziano, poeta e avventuriero palermitano, i quali divennero amici condividendo la loro prigionia ad Algeri. Anche se si ha la sensazione che la vera protagonista del romanzo sia la “conoscenza”. La conoscenza che rende liberi.

“Chi mi vuole prigioniero non lo sa che non c’è muro che mi stacchi dalla libertà. Libertà che ho nelle vene, libertà che mi appartiene, libertà che è libertà”, canta Franco Califano. E i due letterati sopravvivono alla prigionia dei loro corpi ad Algeri proprio perché riescono, con “duelli” letterari, a non fare estendere la privazione della libertà alle loro menti. Già, la libertà del pensiero. Come ricorda Lucio Dalla “Il pensiero come l’oceano, non lo puoi bloccare, non lo puoi recintare”.

Sullo sfondo di una trama colta ed articolata, si intravede una sorta di battaglia tra i “Fratelli della Santa Ignoranza” e la “Biblioteca dei Libri che non esistono”. Libri, quest’ultimi, salvati dall’incendio della biblioteca di Alessandria d’Egitto, dal Bücherverbrennungen e da altre distruzioni dolose. Distruzione della conoscenza soltanto “perché è più facile manipolare ignoranti senza fantasia né discernimento”.

Francesco Randazzo, siciliano, è definito come uno degli autori più originali nel panorama teatrale italiano, ha lavorato molto all’estero come regista e come autore. I suoi testi teatrali sono stati tradotti in spagnolo, ceco, francese e inglese e rappresentati in Canada, Usa, Croazia, Spagna, Francia, Cile. Nel corso degli anni oltre che per il teatro, ha scritto e pubblicato racconti, romanzi, poesie. Parallelamente svolge attività didattica con corsi di recitazione, regia, drammaturgia e scrittura creativa, storia dello spettacolo, stages e conferenze per varie istituzioni pubbliche e private. E’ stato fondatore e direttore artistico della Compagnia degli Ostinati – Officina Teatro.

Ha ottenuto numerosi premi di drammaturgia e letteratura nazionali e internazionali, fra i quali: Premio Fondi La Pastora, Premio Candoni, Premio Fersen, Premio Schegge d’autore, Sonar Script, Premio Leonforte, Premio Maestrale San Marco, Premio Moak, Premio Ugo Betti.

                           
Articoli Correlati
di Aurelia Malatesta E’ uno degli autori teatrali contemporanei italiani riconosciuti anche all’estero, le sue opere sono state tradotte e rappresentate in.... Clauda Brunetta Dopo una serie di successi ottenuti presso le numerose sale e i caffè letterari in cui è stato presentato, arriva il primo importante.... LILLO FIRETTO 1° MEMORIAL DAY Sabato 17 dicembre, alle ore 17.30, presso il Teatro Sant’Alessandro, Palazzo Filangeri-Cutò, in Santa Margherita di Belice,....  di Gisella Mondino "Poeti e Poesia", la storica rivista letteraria, nell’attuale momento culturale, continua a dedicare sempre più spazio alla poesia e ne.... Si è svolta l'ultima domenica di agosto l’annuale “Festa dell’Emigrante” organizzata dall’Associazione Culturale “Sicilia....