Online il nuovo sito de "L'Araldo"
COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DEI NONNI
Le pillole di psicologia della Dr.ssa Sara Azzali
COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DEI NONNI admin
admin - martedì, 11 giugno, 2019
Visualizzazioni: 525
LiberaMente [28]


di Sara Azzali


Il rapporto nonni-nipoti è un legame speciale: i primi portano con sé il bagaglio di esperienze della loro vita e con questo accompagnano i piccoli a muovere i primi passi. Spesso sembra che i nonni siano consci di avere una sorta di “seconda opportunità”, di sperimentare uno stile differente con cui educare e accompagnare, solitamente diverso da quello adottato quando sono stati a loro volta genitori.

Fisiologicamente i bambini cominciano la loro vita, mentre i nonni vivono l'ultima parte: perciò può accadere che nel corso dell'infanzia i nipoti si trovino a dover dire addio.

 

Come raccontare che un nonno se n'è andato e affrontare il lutto?

 

Prima di tutto la sincerità. Nascondere la realtà dei fatti spesso è un modo con cui i genitori sperano di risparmiare una sofferenza al figlio. Ma il dolore non si può eliminare: possiamo però imparare ad affrontarlo, insieme. Tacere la dipartita di una persona cara non fa che spostare nel tempo il momento in cui dovrete comunicare al bambino cos'è successo. In alcuni casi questo significa anche togliere al bambino l'occasione di poter salutare la persona amata e, più in generale, sottrae al piccolo un tempo prezioso in cui affrontare poco alla volta il lutto.

 

Vivere le proprieemozioni. Spesso la difficoltà nel poter parlare ai figli di un argomento doloroso come la morte dei propri genitori viene in primis dal grande dolore che si prova a nostra volta come figli. Poter vivere il proprio lutto consente di lasciare che il nostro mondo interno affronti le varie fasi del lutto con i vari sentimenti connessi. Esprimere le proprie emozioni in maniera adeguata non è segno di debolezza e non sovraccaricherà i vostri figli: farà capire loro che siete umani e che quindi anche voi potete soffrire. Ma potete anche rialzarvi. Ciò apre a una dimensione di fiducia rispetto le proprie risorse interne.

 

Evitate di creare tabù intorno al tema della perdita o del dolore. Se il bambino sente che per qualche ragione non può permettersi di condividere con voi i suoi sentimenti, perchè vi farebbe soffrire eccessivamente, oppure perchè crede che non ritenete importante dedicare tempo e ascolto a questo, ciò che viaggia dentro di lui non sparirà magicamente. Il bimbo avrà imparato semplicemente a non parlarne.

 

Avvalersi di libri, cartoni animati, film che possano aiutare i bimbi a narrare storie su questo dolore. Se ve la sentite potete anche condividere, con termini e modalità adeguate all'età la vostra storia, il racconto di quando voi avete perso a vostra volta il vostro nonno. La condivisione di esperienze ed emozioni è molto forte e sarà un'esperienza che come famiglia conserverete sicuramente nel vostro cuore.


 

Dott.ssa Azzali Sara

 

Psicologa Psicoterapeuta

 

Hai una curiosità o ti piacerebbe affrontare un argomento specifico?

 

Scrivimi o visita il mio blog!

 

🖋💌 www.psicologaazzali.it








                           
Articoli Correlati
Il 13 ottobre scorso Edoardo Gallaci è diventato nonno. Ginevra, questo il nome della bimba è la gioia di mamma Cristina, di papà Alberto, e dei nonni.... A  GINEVRA (a circa tre mesi dalla nascita).   Quanta  emozione!!!. Quanta gioia!!!. Da quando tu Ginevra sei tra di noi, tutti siamo diventati.... di Mimma Guzzardo I bambini sono sempre speciali: ti fanno un pò disperare quando devono affrontare qualche prova e quando devono impegnarsi, ma, appena arriva il.... Per iniziativa dell'Associazione culturale Atlantide, questa sera alle ore 20,30, presso il teatro S.Alessandro di Santa Margherita di Belice, si svolgerà una.... I morti sono come dei bambini. La sera devi raccoglierli in casa. Devi lavarli prima di farli coricare. Devi chiuder loro gli occhi, baciarli sulla fronte. Devi....