Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Munnu pazzu, l'ultima raccolta di poesie di Gaspare Montalbano
Pubblichiamo la prefazione integrale di Michele Vaccaro
Munnu pazzu, l'ultima raccolta di poesie di Gaspare Montalbano admin
admin - mercoledì, 3 aprile, 2019
Visualizzazioni: 455
Cultura&Turismo [75]


di Michele Vaccaro

Nella coeva civiltà multimediale, edonistica, inquieta, arida, cinica, che spinge ognuno di noi alla ricerca spasmodica di un tornaconto utilitaristico, più che mai la poesia assume una funzione essenziale, volta a consentire all’uomo di riappropriarsi della sua dimensione spirituale, creativa, “fanciullina” per dirla con il grande Giovanni Pascoli. Se è vero che oggi tutti potenzialmente potremmo essere poeti, solo pochi lo sono veramente, come Gaspare Montalbano, che ha già firmato una prima raccolta di poesie (“Vulemuni beni”, Catania, 1994) e che ora pubblica la sua seconda silloge intitolata, significativamente, “Munnu pazzu”, composta da quarantasei liriche: trenta in dialetto e sedici in lingua italiana.

Nel Montalbano, uomo di rara sensibilità e di grande umanità, d’insolita ricchezza interiore, la poesia è linfa vitale (“Pi mia è comu ’na musica divina/Chi scinni ‘nti lu cori e mi lu sana/Oppure comu l’acqua cristallina/Chi vivu certi voti a la funtana,/lu stessu effettu mi fa la poesia/linfa vitali di la vita mia”); è veicolo di emozioni e sensazioni ineffabili, di affetti; è esplosione di bellezza, di pace (“Vulissi realizzari milli cosi/cu la forza di la mè fantasìa/vulissí regalari tanti rosi /a cu lotta pi la paci comu a mìa”); è l’espressione schietta del suo animo (“Quannu chi sugnu sulu ’n santa paci,/mi vennu ’n menti paroli accussì duci/e scriviri versi assai mi piaci,/allura a stu puntu e pi chistu mutivu,/pigghíu carta e pinna e mi li scrivu”); è capacità di cogliere il meraviglioso delle cose semplici; é la voglia e il coraggio di esprimere ciò che commuove ed emoziona il suo cuore; è una via di evasione dalla monotona realtà quotidiana grigia e, a volte, dolorosa; è un modo di “sentire” ciò che ci circonda, un modo di viverlo e di esprimerlo. E’ una poesia, quella del Montalbano, che sgorga spontanea (“Tanti voti, quannu menu mi l’aspettu,/fantasticannu cu la testa mia,/mi veni ’n menti di scriviri un sonettu/o qualchi versu pi ’na poesia,/e mi li scrivu lu stessu mumentu/primu chi si li porta via lu ventu”), slegata com’è da ideologie, da modelli imposti, da particolari sovrastrutture culturali; una poesia alla quale si può attribuire un valore etico, d’impegno civile e sociale.

Munnu pazzu segna il culmine di un lungo percorso artistico, segna la maturità del poeta, la cui genesi dell’ispirazione va rintracciata soprattutto nella vita quotidiana. Subito si riconosce, nell’estrema sintesi della raccolta, il nucleo portante della sua poesia: la ricerca, attraverso la parola, di qualcosa di poetico che sappia compensare i terribili tormenti che percorrono la nostra epoca e l’umana condizione di fragilità e di precarietà dell’uomo moderno.

Montalbano sviluppa la propria riflessione lirica allargando la sua ispirazione anche ad altre stimolanti tematiche a noi coeve, ad altre sensazioni, ad altre illuminazioni fugaci, ad altri interrogativi. Il verso diventa allora strumento d’indagine nell’interpretazione del reale, diventa la lente per leggere e intepretare la variegata esistenza di ogni giorno. Nella raccolta, pertanto, sono ravvisabili molti spunti poetici: un sincero desiderio di pace, il trascorrere inesorabile del tempo (“Passa lu tempu e si nni va luntanu/senza firmari mai lu sò caminu;/nun trova mai muntati e mancu chianu,/nun vidi nne vaddati nne pinninu;/curri, vola e và comu lu ventu,/senza mai firmarisi un mumentu”) e la sua evanescenza e caducità (“Quanti ricordi mi tornano alla mente/Dei giorni belli di un tempo lontano,/ma il tempo passa inesorabilmente/portando via tutto come un uragano”); l’aspirazione a un mondo senza violenza e l’invito a volerci bene (“Vi raccumannu: ‘Vulemuni beni,/l’unu cu l’autru strincemuni li mani,/esseri rispittusi nni cummeni /e nun si paganu tassi né dogani,/campamu chiù cuntenti e chiù sireni/cumpurtannuni di veri cristiani,/aiutamuni a vicenna, scambiamuni un surrisu/e di sta terra facemu un Paradisu”); la meditazione sull’esistenza (“Chista è la vita e nun c’è chi fari/Picchì accussì la fici la natura,/cu nasci furtunatu po’ arrivari/di ‘n terra fina ‘n celu tempu un’ura/Cu nasci sfurtunatu [Diu nni scanza!],/travagghia sempri e campa di speranza”); il dolce e irrinunciabile sentimento dell’amore (“L’amuri nni fa battiri lu cori/chiù forti di l’acqua di lu mari./Si dici chi d’amuri nun si mori,/però senza l’amuri ‘un si pò stari;/chiddu ch’un si ’nnamura ’un havi cori/o forsi ci annoja lu campari:/l’amuri, arristannu ’n cunfidenza, duna la gioia a la nostra esistenza”); l’affetto per la famiglia (“Essa è la vera culla dell’amore/e con tutte le forze va difesa,/portiamola sempre dentro il nostro cuore,/e questo ce lo insegna anche la Chiesa,/amiamola da buoni cristiani,/fonte di vita e di valori umani”); il rispetto per la donna (“La donna va trattata con amore,/con gentilezza e signorilità,/va supportata ed amata con ardore/tutti i giorni, per sempre, finché vivrà,/sia madre, figlia, moglie o dolce amica,/è l’angelo custode della nostra vita”); la nostalgia che nasce dai ricordi; la sacralità dei paesaggi agresti e la vita genuina che va scomparendo; i sacrifici dell’emigrante, peraltro vissuti in prima persona (“L’emigrante che deve andare via/E lascia la sua casa e propri cari,/con il cuore pieno di malinconia,/sperando un giorno di poter tornare,/parte con la sua valigia accanto/bagnata di lacrime e di pianto”); l’attenzione alla poesia civile (“Cumpurtamuni di genti civili, /nui semu differenti di l'armali;/avemu un ciriveddu pi capiri,/e puru vucca e lingua pi pariari;/avennu puru tanta ’ntilligenza/quannu servi, usamu la cuscienza!”); l’esaltazione della cultura (“La roba, li ricchizzi nun su nenti,/quannu si resta poviri ’gnuranti”); l’attaccamento alla sua terra (“Diri Sicilia è ’na sula parola,/ma china di sintimentu e d’armunia,/chi sulu a dilla lu cori si ristora,/e fa ‘nfucari la mia fantasia”) e al suo paese (“Si lu paisi è nicu ù mi ’nteressa,/picchì ci staju beni e mi cunsòlu,/ju vogghiu riturnari a la mè ressa/e stari sempri cca fina chi mòru,/cu sta genti simpatica e curtisi/‘n mezzu li strati di lu mè paisi”). Tantissimi i versi dedicati alle persone care (“Ora mi sentu sulu e abbannunatu/comu ’na varca ’mmezzu un mari motu,/’na sula cosa mi teni all’impedi:/l’affettu di mè figghia e mè muggheri”) e, in particolare, alla mamma (“Com’è triste perdere la mamma,/Io l’ho persa quando ero bambino,/Per la mia famiglia è stato un dramma,/Oh come è stato crudele il mio destino!/Lei credo sia volata in paradiso/Lasciando questa terra di dolore,/Appena mi ricordo il suo bel viso,/Vorrei poterla stringere al mio cuore./Intanto il tempo passa e vola via,/Tutto si perde nel tempo che fu,/A me rimane tanta nostalgia/Della mia mamma che non vedrò mai più”), alla moglie prematuramente scomparsa (“Come una foglia staccata dal vento/Un triste giorno sei andata via,/rabbia, rancore, dolore e sgomento/hanno segnato l’esistenza mia./Un vuoto dentro il cuore mi hai lasciato/Perché la mia donna eri tu,/ora mi sento triste e desolato/cerco la mia compagna e non c’è più/ […] A me rimane solo un gran dolore/ E la tua immagine impressa nel mio cuore”), alla sorella defunta (“Ogni giorno che passa penso a te,/Nulla può colmare il mio dolore,/Tu come una mamma eri per me”).

Le liriche di Montalbano si caratterizzano anche per un’esigenza profonda di conoscenza e di amore, visto quest’ultimo come opportunità di comprendere e di essere compresi. È una poesia, la sua, frutto di un’attenta osservazione, capace d’ingentilire gli animi, di mantenere vivo il rapporto con le cose, di racchiudere un’intimità sottile e distensiva; una poesia di riflessione e di memoria, in cui il lettore si può riconoscere e può trovare situazioni, emozioni, passioni, sentimenti propri. Nella raccolta emergono, inoltre, una profonda devozione, soprattutto per la Madonna dell’Udienza (“Vi facemu ‘na gran festa/Matri Santa e genuina/pi lu populu chi resta/siti sempri la Reggina”), una percepibile tenerezza nell’evocazione, una vena di commozione, un soffuso velo di malinconia (“Mi sento il cuore pieno di tristezza/e mi distrugge la malinconia;/cercavo una parola, una carezza,/un po’ d’amore lungo la mia via,/invece oggi ho avuto la certezza/che è stato frutto della fantasia,/e mentre dal dolore sono affranto, consolo la tristezza con il pianto”) e, soprattutto, un’ineluttabile amarezza e un’irritante indignazione quando l’autore rappresenta l’uomo in balìa delle  molteplici forze dissolutive del suo tempo o in una condizione esistenziale priva di evasione nel sogno (“Supra stu munnu/chinu di guai/omini storti/’ci nni su assai”) o quando condanna i mafiosi vigliacchi (“Vurrìa parlari cu lu cori ’n manu/A tutti chiddi chi sunnu mafiusi,/a chiddi di vicinu e di luntanu,/chi ’nta stu munnu fannu tanti abusi,/circannu sempri lu modu p’arricchiri/e ammunziddannu sordi a mai finiri”). C’è, però, sempre un’apertura per la salvezza, un agognato desiderio di speranza, c’è alla base una solida e incrollabile fede in Dio. Nella silloge, solo ogni tanto, si registra una leggerezza di accenti: la tensione, in effetti, diminuisce quando il poeta concentra l’attenzione sulle piccole e genuine cose, sugli aspetti secondari della vicenda umana.            

Non è, quella del Montalbano, una poesia aulica, stilizzata, pomposa. I componimenti, di solito brevi, sono spesso costituiti da versi che badano poco al rigore formale, ma hanno il pregio dell’esser resi efficienti dall’immediatezza e semplicità delle immagini, talvolta colorite.

Il linguaggio, chiaro, diretto, realistico, istintivo, e facilmente comprensibile, si caratterizza per la sobrietà, per l’efficacia espressiva, per l’assenza di particolari artifici e di accorgimenti estetici. Le parole, essenziali e misurate, talora magari prevedibili, riescono tuttavia a colpire nel segno, a tratteggiare con un certo vigore fatti, emozioni, impressioni, sentimenti; riescono a consolare, ad ammonire, a incoraggiare, a stimolare, a commuovere, a evocare ricordi, a contemplare. Cose, queste, non da poco.

                           
Articoli Correlati
ELEGIA DEI PEREGRINANTI DI ALBERTO PADOVANI Questo cielo da francigena Ci accompagna stamattina Noi, che non siamo Camminanti, noi qui Stiamo sotto lo stesso Cielo dei.... Raccolta differenziata. Facile a dirsi, difficile – per il cittadino margheritese – attuarla. La domanda è semplice: dove si devono conferire le pile.... Alla fine il servizio di raccolta e conferimento dei rifiuti solidi urbani verrà gestito dal Comune di Santa Margherita di Belice e non più da una nuova Sogeir..... Giovedì 31 luglio, nella splendida cornice rinascimentale dell’Atrio superiore del Palazzo Municipale,  si è svolta a Sciacca una serata di poesia,.... Riposanoi ricorditra le lenzuoladella memoria. Nei labirintiimpraticabilidella mentetacciono i dolori. Un pensiero scalpitanell'anfratto buioche nascondela....