Online il nuovo sito de "L'Araldo"
NON STARTENE Lì SEDUTO DI KATY BOWMAN
movimenti da ufficio e postazioni di lavoro dinamiche per la salute del corpo
NON STARTENE Lì SEDUTO DI KATY BOWMAN admin
admin - martedì, 25 settembre, 2018
Visualizzazioni: 320
Apelibraria [75]


di Laura Bonelli


Un manuale utile per tentare di arginare un problema che affligge molta parte della popolazione occidentale, ovvero i dolori e i disagi dovuti ai lavori sedentari.  Non startene lì seduto – movimenti da ufficio e postazioni di lavoro dinamiche per la salute del corpo di Katy Bowman (EPC Editore) già dal titolo fa capire che non si tratta di un libro solo da leggere. All’interno ci sono una trentina di esercizi per allenarsi durante l’orario di lavoro, facendo in modo che schiena gambe e braccia possano trovare posizioni ottimali per mantenere il corpo in salute.

In un periodo storico dominato da computer e televisione  in cui il fisico è obbligato a stare fermo per molte ore, l’idea di avere a disposizione delle tecniche semplici per poter mobilizzare arti e muscoli è una buona soluzione almeno per fare in modo che la situazione si mantenga controllata ricordando, anche col rischio di essere banali, che nulla può sostituire una passeggiata in montagna o la cura di un orto in campagna perché la migliore cura per mente e corpo è il contatto con la natura.










                           
Articoli Correlati
di Laura Bonelli La diastasi addominale è una patologia ancora poco conosciuta.  E’ la separazione delle due parti del muscolo retto addominale che.... Potrebbe avvenire prima delle feste pasquali il cambio al vertice dell'Istituzione "G. Tomasi di Lampedusa". I tempi sono maturi. Ci sarebbe solo da trovare la formula....   di Joseph Cacioppo   Grande successo di pubblico per il concerto gratuito di Angelo Branduardi a Santa Margherita di Belice. Piazza piena fino....   di Joseph Cacioppo   "Il sonno è ciò che i siciliani vogliono, ed essi odieranno sempre chi li vorrà svegliare” (Il Gattopardo)..... Se tu sapessi quante volte volevo dirtelo a muso duro che ho camminato troppo, trascinando l’ultimo raggio di sole, un piccolo grano di sabbia, lasciando sulla....