Online il nuovo sito de "L'Araldo"
IMPARIAMO A RICONOSCERE LE EMOZIONI DI GABRIELLA CHIARELLO
Un manuale per aiutare i bambini a crescere più equilibrati e consapevoli
IMPARIAMO A RICONOSCERE LE EMOZIONI DI GABRIELLA CHIARELLO admin
admin - giovedì, 5 luglio, 2018
Visualizzazioni: 536
Apelibraria [59]


di Laura Bonelli


Un interessante strumento pensato non solo per educatori e insegnanti, ma anche per genitori e pedagogisti: IMPARIAMO A RICONOSCERE LE EMOZIONI (Epsylon  Editrice) scritto da Gabriella Chiarello. L’autrice è docente di Psicologia e Psicometria presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e insegna Psicologia sociale alla facoltà di Scienze politiche di Catania.

Sembra strano un simile manuale, perché l’emozione dovrebbe essere l’espressione di sé più semplice da riconoscere, ma, come spiega Elena Manetti nell’introduzione del testo, stiamo vivendo un periodo di grave crisi. “Tempi bui per le emozioni ed i sentimenti nella nostra società: a chiunque si occupi di linguaggio orale o scritto, la comunicazione attuale sembra essersi quasi omologata in un sistema standardizzato e simile per tutti. I giovani parlano spesso nello stesso modo, senza modulazione emozionale, e anche le loro scritture sono simili in modo sconcertante”.

Nello specifico il saggio è utile per le persone affette da DSA ovvero quei disturbi di apprendimento che coinvolgono la dislessia, la disortografia, la discalculia e la disgrafia, ma la lettura si rivela stimolante per tutti. Gli esercizi in cui vengono prese in considerazione emozioni come la collera, la paura, la gioia etc. possono aiutare il soggetto nel discernimento della causa, in modo tale che si abbiano i mezzi adatti per superare lo stallo del “sto male ma non so perché” che si conclude con una chiusura in ambito sociale e familiare.

Imparare sin da piccoli a fare questo lavoro su di sé dovrebbe rendere adulti più consapevoli e veloci nel riconoscere alcuni meccanismi psicologici che concorrono al disagio.

La seconda parte del libro, pensato come un gioco, mostra le immagini dell’intensità delle emozioni (ad esempio i gradi di intensità della sorpresa: sorpreso, stupito, meravigliato, sbalordito) e termina con le sagome di volti vuoti da riempire con le proprie. Sarebbe bello, attraverso un apprendimento ludico, poter incrementare gli strumenti di apprendimento finalizzati ad una modulazione armonica dell’emozione e del sentimento per poter raggiungere un importante traguardo: l’equilibrio.









                           
Articoli Correlati
di Laura Bonelli   “I miei pensieri, le mie domande rimaste senza risposta, lo sconvolgimento della mia esistenza; dovevo organizzare il caos.” Ha una.... di Margherita Ingoglia "Gli Entella", gruppo degli anni '80 di Contessa Entellina, si esibiranno, presso il Teatro L'Idea di Sambuca di Sicilia, il prossimo.... Nasce la rubrica LA STANZA POETICA, un nuovo spazio de L’Araldo dedicato alla poesia. Vuole essere un luogo di suggestioni, sperimentazione dei linguaggi,.... di Calogero Raviotta A quanti, contessioti e non, vogliono conoscere il vasto, prezioso e ricco patrimonio culturale di Contessa Entellina, risulterà certamente utile.... di Sara Azzali La tristezza è una delle emozioni fondamentali, eppure spesso viene considerata la Cenerentola degli stati d’animo. Infatti, se la gioia ci....