Online il nuovo sito de "L'Araldo"
S. Margherita, su "Casa Barbera" il Re si è scoperto nudo
S. Margherita, su "Casa Barbera" il Re si è scoperto nudo admin
admin - giovedì, 28 giugno, 2018
Visualizzazioni: 330
News [1224]

Sui crolli che hanno interessato “Casa Barbera”, l’edificio danneggiato dal sisma del gennaio 1968 e, dopo 50 anni, mai recuperato, malgrado si trovi all’ingresso di Santa Margherita di Belice, l’Amministrazione Valenti si è mostrata nella sua totale nudità.

Il destino di tale edificio sembra non rientrare nella sua agenda politica. Eppure “Casa Barbera” fa parte del residuo nucleo di centro storico scampato alle ruspe post-terremoto.

Quel centro storico voluto e fatto costruire dai principi Corbera, avi di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Non per nulla il piccolo centro belicino si fregia del titolo di “paese del Gattopardo”.

Non per nulla, da 15 anni, S. Margherita di Belice si fa carico di indire il costoso “premio letterario internazionale G. Tomasi di Lampedusa”.

Ma una cosa è invitare un cantante famoso ed un letterato di fama, per una serata in piazza, e altra cosa è prendersi cura del centro storico.

Centro storico che, a 50 anni dal sisma, versa in stato di totale abbandono dopo che negli anni ’80 le ruspe hanno irrimediabilmente trasformato la fisionomia architettonica-urbanistica sopravvissuta alla scosse di terremoto.

Un destino irreversibile quello del centro storico, abbandonato all’incuria ed alle intemperie.

Non fa eccezione “Casa Barbera”. Con una piccola/grande differenza. Il centro storico nella sua quasi totalità è stato espropriato a favore del Comune, mentre “Casa Barbera” sembra essere in condominio tra il Comune ed un privato. Ed il privato, giusta previsione legislativa, può presentare un progetto di recupero anche in nome e per conto del condomino pubblico.

Progetto edilizio di recupero presentato da diversi anni. Ma la speciale commissione edilizia che si occupa degli edifici danneggiati dal terremoto del 1968, e della quale fa parte di diritto un funzionario della Soprintendenza BBCCAA, ad oggi non sembra averlo esaminato dal punto di vista tecnico, essendosi limitata soltanto ad accertarne la proprietà.  

La Soprintendenza ai beni culturali, invece, sembra che sia stata consultata al di fuori della speciale commissione edilizia per richiedere un “formale provvedimento” di demolizione totale. Richiesta che la Soprintendenza, pare, abbia dichiarato semplicemente irricevibile.

Con il crollo di questi giorni l’Amministrazione Valenti è ritornata alla carica per strappare alla Soprintendenza quel benedetto assenso alla “demolizione” tout court. Senza indicare a cosa destinare eventualmente l’area di risulta a demolizione avvenuta.  

Ed partita una campagna “informativa” che mette in dubbio la valenza storico architettonica delle “tracce esistenti del passato in quel prospetto” di “Casa Barbera”. Viene anche ricordato che già ai primi del dicembre scorso l’Amministrazione Valenti aveva chiesto alla Soprintendenza "di poterlo demolire", ma la Soprintendenza si era opposta.

E’ stato lanciato anche un sondaggio capzioso via web: recuperare (anche se “Non è rimasto nulla di storico se non il ricordo di come la tragedia del sisma di 50 anni fa possa ancora ripetersi in una possibile tragedia nella malaugurata ipotesi che possa venire giù mentre da li transita qualcuno”) o demolire (per la “salvaguardia dell’incolumità pubblica”)?

Trascurando la terza via: l’intervento di “ristrutturazione edilizia” (demolizione e fedele ricostruzione), che coniugherebbe i due punti di vista, la demolizione subito e la ricostruzione fedele dopo aver tolto il pericolo.

Quest’ultima soluzione richiederebbe, però, che “Casa Barbera” venisse inserita nell’agenda delle cose da fare dell’Amministrazione Valenti. Ma l’assessore all’urbanistica Maurizio Marino, nonché presidente della speciale commissione edilizia per i fabbricati danneggiati dal sisma del 1968, ha fatto sapere che “Casa Barbera” non rientra tra le loro priorità.

Amen.

 

                           
Articoli Correlati
Si terrà sabato 15 dicembre (ore 15,30) all’interno del teatro S. Alessandro di Santa Margherita di Belice l’assemblea annuale dell’Associazione.... Per iniziativa dell'Associazione giovanile Atlantide, si svolgerà a S. Margherita il 1° rtorneo "PES 2012". Le iscrizioni sono aperte fino al 4 dicembre. Il torneo.... Anna Di MArco è la seconda classificata del concorso letterario promosso da Sciaccart 2014. L'Araldo, per gentile concessione dell'autrice, pubblica.... Si parlerà di scuola e di teoria del “gender” al primo di una serie di incontri pubblici promossi dall’Associazione “Atlantide” di Santa.... Calogero Gugliotta, attento osservatore della politica montevaghese, in un suo post su facebook, ha fatto una analisi sul comportamento del Partito Democratico a Montevago in....