Online il nuovo sito de "L'Araldo"
S. Margherita, crolla Casa Barbera e dai ruderi arriva un urlo: si dispensa dalle visite.
S. Margherita, crolla Casa Barbera e dai ruderi arriva un urlo: si dispensa dalle visite. admin
admin - martedì, 26 giugno, 2018
Visualizzazioni: 1056
News [1209]

I giardini pensili di Santa Margherita di Belice e la prosopopea della Soprintendenza BBCCAA di Agrigento, cedono il passo alla caducità del tempo.

E così le macerie post terremoto di “Casa Barbera” rompono il silenzio e dopo 50 anni, da quel tragico gennaio 1968 che portò morte e distruzione nella Valle del Belìce, sembrano aver urlato con tutto il fiato ancora disponibile: no, adesso basta.

Un “no” rivoluzionario che fa proseliti. Anche tra le attività metereologiche di questo giugno che volge al termine.

E così le piogge di questa strana estate sono state la trancia che ha spezzato le catene di quei ruderi prigionieri del silenzio, dell’incuria e dell’abbandono.

“Basta”, avranno detto quelle pietre ai “dotti medici e sapienti” che da 50 anni stanno “tutti attorno al capezzale di un malato molto grave, anzi già qualcuno ha detto che il malato è quasi morto”.

“Casa Barbera” si trova situata all’ingresso del paese del “Cafè House”, ed aveva preso il posto della “Porta Reale” fatta costruire dai principi Filangeri, nel 1812, in occasione del soggiorno a Santa Margherita di Belice della regina Maria Carolina d’Austria, accusata di tramare contro Napoleone.

Nella notte tra il 14 ed il 15 gennaio 1968 il terremoto ipotecò la storia del territorio situato a confine di tre province: Agrigento, Palermo e Trapani. Santa Margherita di Belìce figura tra i sei Comuni più colpiti. “Casa Barbera”, posta all’ingresso del paese, testimonia che il sisma è passato da lì.

Una quindicina di anni fa, ciò che restava di “Casa Barbera” è stato puntellato e la corsia stradale antistante dimezzata. Uno spettacolo che si è protratto nel tempo,  nell’indifferenza generale.

Per 50 anni i “dotti medici e sapienti”, a cui rimanda la canzone di Edoardo Bennato, non hanno saputo o potuto prendere una decisione: intervento di “restauro” o di “ristrutturazione edilizia” (demolizione e fedele ricostruzione)?

Pare che la Soprintendenza ai beni culturale di Agrigento sia per un intervento di restauro, mentre l’assessore ai lavori pubblici di S. Margherita di Belice sia propenso per la demolizione.

Ma nel paese del Gattopardo il tempo passa e nessuna decisione viene presa. E così le “pietre” di “Casa Barbera”, in sinergia con il tempo che scorre e con la pioggia che cade, nella notte tra il 25 ed il 26 giugno hanno urlato il loro “no” occupando, crollando, la carreggiata stradale. Mentre gli alberi cresciuti sulle macerie sventolano le loro cime in segno di vittoria sull’inerzia della pubblica amministrazione e sembrano dire: “si dispensa dalle visite”.  

                           
Articoli Correlati
di Baldassare Portolano Provi a pensare il Direttore nonchè editore del giornalino, Joseph Cacioppo, cosa penseranno i turisti presenti la sera della manifestazione in.... “Omaggio culturale” per tutte le donne che vorranno visitare i musei della Città del Gattopardo ed eventualmente soggiornare a Santa Margherita di.... Sono sette i titoli portati a casa dalle dalle coppie margheritesi della Royal Dance dopo aver disputato i campionati italiani Fida 2014. Marco Barbera e Rossella Saladino.... Pala meccanica del Comune in azione, nei giorni scorsi, lungo la via Calvario che costeggia i Ruderi degli antichi quartieri di San Calogero e San Vito, distrutti dal terremoto.... Anche il Lions Club Sambuca Belice partecipa alla festa del patrono di Montevago, San Domenico, prevista per il 7 agosto. Il Lions Club Sambuca Belice, fa sapere il presidente....