Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Hawking e la teoria del tutto
un punto di vista psicologico
Hawking e la teoria del tutto admin
admin - martedì, 3 aprile, 2018
Visualizzazioni: 53
LiberaMente [13]


di Sara Azzali



Quando a scuola studiavamo il buco nero lo immaginavamo come un luogo “senza speranza”. Tutto entra, nulla esce. Hawking ha ridefinito totalmente questa concezione.

Lo scienziato è arrivato infatti ad affermare come il buco nero, luogo dove si riteneva tutto “collassasse", sfuggisse per sempre, potesse invece divenire l’inizio di un “tutto”. Addirittura di tutto il nostro universo di vita e possibilità: un Big Bang.

Ed è incredibile come quello che Hawking ha studiato e cercato di verificare con le sue teorie sembri essere stato al tempo stesso oggetto di ricerca scientifica, ma anche la stessa strada percorsa pariménti nella sua vita. Lo scienziato, che ci ha lasciato poche settimane fa, era affetto da una malattia degenerativa che lo ha accompagnato da quando aveva solo 21 anni. La diagnosi fu quasi una sentenza di morte: prevedeva allora circa due anni di vita. Così, proprio quando un enorme buco nero poteva inghiottire ogni cosa Hawking prosegue invece nel suo lavoro, nella sua vita. Si sposa. Costruisce la sua professione, costruisce una famiglia.

La diagnosi poteva risucchiare tutto lui ha proseguito. Ha addirittura "invertito" il senso di marcia: da una possibile implosione, ad un’espansione. Della sua vita, delle relazioni, del suo lavoro. In un Big Bang di creatività.

Così nell'universo come nella vita mentale esiste "speranza". Gli eventi di vita, per quanto traumatici, dolorosi, distruttivi siano, possono essere affrontati nella misura in cui possiamo permetterci di rielaborali. Di continuare a espandere il nostro senso di identità, rendendolo sempre più ricco e complesso. 

Infatti in quanto esseri umani siamo costantemente orientati alla ricerca di significato. Pensate a cosa succede quando perdiamo il senso di ciò che facciamo e di quello che ci accade: andiamo in crisi.

L’essere umano è infatti prima di tutto un “costruttore di senso”. Finché riusciamo a sentire, pensare, esprimere possiamo elaborare quello che ci accade e avere così una sensazione di “continuità” e “fiducia” in noi stessi.

A livello mentale credo che la storia del Prof.r Hawking ci lasci proprio una luce di speranza.

Prendendo le sue parole:

« Ricordatevi di guardare le stelle e non i vostri piedi... Per quanto difficile possa essere la vita, c'è sempre qualcosa che è possibile fare, e in cui si può riuscire. »

Credo che questa sia una storia di vita eccezionale che lascia un'eredità non solo alle menti brillanti degli scienziati, ma anche ai cuori delle persone comuni. Soprattutto a coloro che soffrono e possono afferrare una luce di speranza.

 

 

Dott.ssa Azzali Sara

Psicologa Psicoterapeuta Psicoanalista

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                           
Articoli Correlati
Si parlerà di scuola e di teoria del “gender” al primo di una serie di incontri pubblici promossi dall’Associazione “Atlantide” di Santa.... Nuovi piloti crescono frequentando i corsi di avviamento avanzato e agonistico svolti dalla prima scuola karting riconosciuta a livello regionale. I corsi per bambini,.... A giorni si saprà il nome del vincitore della X edizione del premio letterario G. Tomasi di Lampedusa. A comunicarlo è la pagina facebook del patron della.... Che fine ha fatto la borghesia a Santa Margherita di Belice? Nell’ultima competizione elettorale sembra quasi sparita dal dibattito politico. La borghesia, intesa.... di Joseph Cacioppo “Se nel 1848 il pane fatto con farina di ‘giustalisa’ costava più caro di quello preparato con le farine normali, un motivo doveva....