Online il nuovo sito de "L'Araldo"
S. Margherita di Belice: l'analisi del voto per il Parlamento
S. Margherita di Belice: l'analisi del voto per il Parlamento admin
admin - martedì, 6 marzo, 2018
Visualizzazioni: 74
News [1224]

Interessante la lettura dei risultati margheritesi delle ultime elezioni politiche. Innanzitutto il trend locale, per quanto riguarda il Senato, ricalca quello nazionale: primo il M5S (voti 1635: pari al 58,26%), poi il centro destra (638: 22,73%), terzo il centro sinistra (383: 13,64%) e poi LeU (75: 2,35%). Situazione un po’ diversa alla Camera, dove il centro sinistra (771: 24,23%) si è piazzato al secondo posto dietro il M5S (1648: 51,80%), terzo posto per il centro destra (616: 19,36%) ed a seguire LeU (94: 3,34%).  

Entrando nei dettagli si ha la conferma che il campanilismo politico non fa parte del dna dei margheritesi. Mai il paese del Cafè House si è spogliato dell’appartenenza politica per concentrare il proprio sostegno elettorale sul candidato locale. Anche se in tal senso, per questa competizione elettorale, era sceso in campo il sindaco in persona. “Almeno per l’elezione della Camera dei Deputati – aveva fatto appello il primo cittadino in un teatro affollatissimo – sarebbe opportuno sostenere il nostro concittadino, aldilà della propria appartenenza politica. E qui, questa sera, c’è quasi tutta l’amministrazione comunale”. Amministrazione in senso lato, vista la presenza anche di tanti esponenti della minoranza consiliare. Gaspare Gulotta, il candidato locale correva per un seggio uninominale alla Camera nella lista del centro sinistra.

Nel paese della fatalità gattopardiana, però, l’accorato appello è caduto nel vuoto. E gli elettori politicizzati sono rimasti nelle loro posizioni.

Ne è prova che il centro destra ha quasi pareggiato i voti tra Camera e Senato. Se si tiene conto della maggiore età richiesta per il voto al Senato, si possono stimare in un centinaio gli elettori che hanno derogato alla loro idea politica per supportare il candidato locale.

Il PD e Forza Italia locale si confermano partiti da 350 voti, l’ex Udc può contare su 100 elettori così come il movimento Liberi e Uguali, poco meno della Lega (112 voti) e poco più dei Fratelli d'Italia della Meloni (62 voti).

L’ennesima conferma che l’era della “seconda repubblica” si avvia verso il tramonto.

Numeri fuori da ogni previsione per il Movimento 5 Stelle che ha superato il 50% dei consensi sia alla Camera che al Senato.

Se è vero che l’Italia è entrata nella “terza repubblica” si può dire che Santa Margherita di Belice ha dato il suo contributo.

Va detto che il M5S è l’unico “partito” che, anche se solo in prossimità delle competizioni elettorali, ha una sede.

                           
Articoli Correlati
di Felice Ferraro Lo scorso 12 aprile una camera dei Deputati semivuota ha approvato la più radicale delle riforme costituzionali discusse dalla nascita della.... In occasione della manifestazione SalvalarteBelice 2012, promossa da Legambiente Sicilia e dedicata alla salvaguardia e valorizzazione dei beni culturali nella Valle del.... Sono 62 i deputati regionali che saranno eletti, il prossimo 5 novembre, con un meccanismo puramente proporzionale. Altri sette, compreso il presidente eletto, cioè il.... Potrebbe riprendere i lavori la speciale commissione edilizia ex art. 5 di Santa Margherita di Belice. La Regione pare abbia nominato i due tecnici esterni, uno esperto in.... E’ iniziato il conto alla rovescia per la demolizione di palazzo Lombardo-Saieva di Santa Margherita di Belice. I lavori di demolizione sono già stati consegnati....