Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Convegno del Grande Oriente d'Italia, ad Agrigento, su immigrazione ed integrazione
Concluderà i lavori il Gran Maestro Stefano Bisi
Convegno del Grande Oriente d'Italia, ad Agrigento, su immigrazione ed integrazione admin
admin - sabato, 11 novembre, 2017
News [1161]

La massoneria compie 300 anni. Almeno quella “speculativa” o moderna.

Ed è un susseguirsi di iniziative. Il Grande Oriente d’Italia, Palazzo Giustiniano, ed il Collegio dei Maestri Venerabili della Sicilia, hanno organizzato un convengo ad Agrigento su “La porta del Mediterraneo: immigrazione ed integrazione”.

Il convegno si svolgerà il prossimo 18 novembre presso l’Hotel Akrabello, ore 17,00. I lavori saranno moderati da Pasquale Hamel, scrittore e direttore del museo della Società Siciliana di Storia Patria. Hamel in passato ha ricoperto anche l’incarico di direttore scientifico dell’Istituzione Giuseppe Tomasi di Lampedusa.

Tra i relatori il giornalista Alessandro Cecchi Paone e Desirée Pangerc, docente universitaria di antropologia dello sviluppo. I lavori saranno aperti dai saluti di Antonino Recca, presidente del Collegio dei Maestri Venerabili della Sicilia, mentre le conclusioni sono affidati a Stefano Bisi, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia.

Il G.O.I. è la principale obbedienza massonica italiana.

La massoneria come la conosciamo oggi, chiamata massoneria moderna, nacque ufficialmente il 24 giugno 1717 con la Gran Loggia di Londra, successivamente denominata Gran Loggia d’Inghilterra.

Quel giorno del 1717 nacque la massoneria ‘speculativa’, perché quella che era esistita fino a quel tempo era stata una massoneria ‘operativa’; chiamata così perché i massoni medievali facevano ‘opere’, in particolare costruivano edifici religiosi e militari, e residenze di signori; mentre quelli ‘speculativi’ invece che occuparsi di edilizia si occupano di problemi teorici ovvero ‘speculativi’.

Il tema del convegno, oltre che di grande attualità, rimanda ai Cavalieri di Malta che per secoli hanno rappresentato una sorta di presidio cristiano nel Mediterraneo.

I Cavalieri di Malta, nati prima dei Templari ed a questi sopravvissuti, hanno rituali simili a quelli della massoneria. Mentre gli obiettivi dei Templari, soppressi con la violenza all’inizio del Trecento, si ritroverebbero nella Massoneria.

 

                           
Articoli Correlati
Il rapporto tra i margheritesi d'America e quelli che vivono nel paese del Gattopardo, ha radici profonde. Rapporti tenuti anche a livello esoterico. Una testimonianza.... Sarà fruibile fino all'11 gennaio, tutti i giorni dalle ore 18:00 alle ore 21:00, la Mostra Archeologica Subacquea di Licata. La mostra, giunta alla II edizione ed.... E’ stata “consacrazione” a Santa Margherita di Belice”, lo scorso 15 novembre, la nuova casa massonica della loggia “Dedalus” del Grande.... Due le nuove logge costiuite nella Valle del Belice. Una a Santa Margherita del Belice ad opera del GOI (Grande Oriente d'Italia) ed un'altra a Montevago ad opera del GLRI.... di Francesco Sciara E' MISS ITALIA. E' Miss Italia. Giusy Buscemi, di Menfi, è la nuova regina della bellezza italica. Ha sbaragliato un'agguerrita concorrenza di 101....