Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Si inaugura domenica 23 luglio monumento degli emigrati voluto dai margheritesi d'America
Si inaugura domenica 23 luglio monumento degli emigrati voluto dai margheritesi d'America admin
admin - sabato, 22 luglio, 2017
Visualizzazioni: 151
News [1238]

Si inaugura a Santa Margherita di Belice, domenica 23 luglio alle ore 19,30, il monumento dell’Emigrante.

Monumento voluto dai margheritesi d’America. Gente tosta che conosce il fenomeno dell’emigrazione. Gente che certamente non sorride vedendo le scene del film “Nuovomondo” (2006) di Emanuele Crialese. Certo il loro “viaggio”, negli anni ’60, verso l’America è stato sicuramente meno crudo di quello della famiglia “Mancuso” di Crialese di inizio del secolo scorso. Ma le difficoltà ad inserirsi nel “nuovo mondo”, a parlare la nuova lingua, avranno avuto molto in comune.

La giornata dell’emigrante prevista per domenica, però, vuole indicare il bicchiere mezzo pieno di questo fenomeno che ha coinvolto la comunità margheritese. Alle ore 10,30 è previsto un convegno sul tema presso il teatro Sant’Alessandro. Mentre alle 19,30 sarà scoperto il monumento realizzato dal Maestro Paolo Manno, margheritese.

Il monumento è stato collocato in piazza dell’Emigrante, in prossimità della rotatoria di corso Italia. Piazza realizzata 12 anni fa, ed oggi arricchita da questo simbolo di fratellanza. E si, perché la scultura-monumento che verrà “scoperta” domenica è molto di più di un ornamento di una piazza. Rappresenta il cordone ombelicale che ancora lega i “margheritesi d’America” alla loro terra di nascita. Rappresenta l’amarezza che Josè Feliciano, nel 1981, riassumeva nella sua canzone “paese mio … che stai sulla collina”.In America se ne è andato il corpo, per un futuro migliore, ma non il cuore.

L’iniziativa è stata voluta, promossa e finanziata dal “Circolo S. Margherita di Belìce di New York”. Una comunità nella comunità. Per l’occasione i vertici del sodalizio: Pietro Ciaccio (presidente) e Antonino La Sala e Filippo Barone (chairman’s della manifestazione), e tanti altri, sono ritornati nel paese del Cafè House, il “loro” paese.

E questo “cordone ombelicale”, questo rapporto affettivo dei margheritesi d’America con il paese natìo, non è di oggi. C’è sempre stato. Sono stati i margheritesi d’America a far costruire, negli anni ’60, l’ospedale “dott. Onofrio Abruzzo”. E si tocca con mano ogni qual volta un margheritese si trova ospite negli USA.

Resta un solo dubbio: riusciremo a mantenere questo legame con le nuove generazioni così restìe a conoscere la storia? Anche quella locale?

 

                           
Articoli Correlati
Piazza dell’Emigrante di Santa Margherita di Belice, gremita all’inverosimile, ha fatto da cornice alla inaugurazione della scultura del Maestro Paolo Manno voluta.... Anche se a Santa Margherita si era festeggiato qualche anno fa con il sindaco Franco Santoro, la ricorrenza ricade nel 2013, come testimonia la rivista America Oggi, di cui.... Sarà intitolata al giudice Rosario Livatino, martire della mafia, l'aula consiliare del Comune di Santa Margherita di Belice. La cerimonia di intitolazione è.... Far conoscere e sensibilizzare il fenomeno migratorio dei Margheritesi verso il “sogno americano”. Questo l'obiettivo del progetto: “L’Emigrazione.... Sempre saldo il cordone ombelicale che lega i margheritesi che vivono su sponde opposte dell’oceano. Un legame che con i social si è fatto più intenso. Si....