Online il nuovo sito de "L'Araldo"
In scena, oggi 12 marzo, al Samonà di Sciacca, La Nana di Emanuele Navarro
In scena, oggi 12 marzo, al Samonà di Sciacca, La Nana di Emanuele Navarro admin
admin - domenica, 12 marzo, 2017
Visualizzazioni: 166
News [1240]

Oggi, domenica 12 marzo, al Teatro Samonà di Sciacca, torna in scena “La Nana” di Emanuele Navarro della Miraglia, riduzione e adattamento teatrale di Nino Bellitto ed Enzo Randazzo.

“La Nana” ritorna a Sciacca dopo 36 anni, e lo fa per una iniziativa di beneficanza promossa dalle Associazioni di Volontariato di Sciacca. Il testo letterario va in scena con la regia di Enzo Randazzo, Gisella Mondino e Daniela Rizzuto.

Il romanzo “La Nana” è stato il primo romanzo Verista della Letteratura Italiana e per molti viene considerato il primo manifesto contro il femminicidio.

Emanuele Navarro della Miraglia è stato “rilanciato” da Leonardo Sciascia come precursore pirandelliano ed è stato studiato da Natale Tedesco, che ha documentato la sofisticazione della morale sessuale dei siciliani. Navarro deve a Mario Strati il merito di averlo spogliato del ruolo di “paggetto” di Capuana e Verga, e che ha dimostrato la grandezza, lo spessore culturale e soprattutto l’originalità e la modernità della sua scrittura.

La storia del romanzo “La Nana” si svolge a Villamaura (Sambuca di Sicilia), un piccolo paese dell’agrigentino, che è il teatro del semplice dramma d’amore di Rosaria Passalacqua che, invaghitasi di don Pietro Gigelli, preferisce le sue attenzioni a quelle di Rosolino, un onesto lavoratore dei campi desideroso di sposarla. Don Pietro è, però, promesso a Grazia Fragalà, figlia di uno dei più ricchi proprietari di Villamaura. Così, dopo aver sedotto Rosaria, finisce con l’abbandonarla per sposare Grazia.

Rosolino, benché a conoscenza dei rapporti intercorsi tra Pietro e Rosaria, superando i pregiudizi della morale tradizionale, torna ad offrire il suo amore a Rosaria e la salva dello scandalo, sposandola.

Come si vede la soluzione dell’intreccio è attualissima. Come moderno è lo stile, perché ne “La Nana”, più che in Capuana e Verga, poco interessati al rapporto fotografia-scrittura, la rappresentazione del paesaggio prende in prestito soluzioni lessicali desunte dal linguaggio dell’arte moderna, della pittura realista ed impressionista che caratterizza Parigi negli anni in cui Navarro vi soggiorna.

 

                           
Articoli Correlati
Matrimonio riparatore addio. No, non è una novità del nuovo millennio. E’ la penna creativa di Emanuele Navarro, il vero padre del “verismo”,.... Il 10 e 11 dicembre, al Teatro comunale l'Idea di Sambuca di Sicilia,  dopo 36 anni, torna in scena "La Nana" di Emanuele Navarro della Miraglia, riduzione e adattamento.... di Joseph Cacioppo “Villamaura”, de “La Nana”, è Sambuca di Sicilia. La Banca di Credito Cooperativo di Sambuca di Sicilia detiene la maggior.... Rivalutare Emanuele Navarro della Miraglia, siciliano nato a Sambuca di Sicilia nel 1838 ed intellettuale a tutto tondo. Questo l’obiettivo di una sorta di.... Sdoganato l’erotismo nell’opera letteraria di Emanuele Navarro. Sembra questa la novità più evidente del “III Convegno studi navarriani”....