Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Referendum. Le ragioni del NO. Se ne parla a S. Margherita e Montevago
Referendum. Le ragioni del NO. Se ne parla a S. Margherita e Montevago admin
admin - mercoledì, 23 novembre, 2016
Visualizzazioni: 72
News [1238]

di Lidia Riscica

La campagna elettorale per il referendum costituzionale entra nel vivo a Santa Margherita di Belice e Montevago. Due gli appuntamenti in questo fine mese che precede la data del quattro dicembre.

Sul web in tanti si cimentano con il copia e incolla di post di autorevoli costituzionalisti e Vip dello spettacolo e della cultura. Assenti i dibattiti tra esponenti locali dei due schieramenti. Solo schermaglie via facebook.

I sostenitori del “si” sono più defilati, puntanto sull’effetto traino del Governo: Matteo Renzi ed Angelino Alfano hanno tanti fans, anche nei piccoli Comuni. Così si organizzano pseudo convegni a favore degli agricoltori e poi “per magia” compaiono i banchetti che invitano a votare “si”. Un po’ come l’ovetto kinder sotto forma di lettera inviata agli italiani all’estero: fuori cioccolato, dentro la sorpresa. Oppure come la mozione approvata dal consiglio comunale di Santa Margherita di Belice, una sorta di patto tra moschettieri: tutti per il “no”, ognuno per i fatti suoi.

Sul fronte del “no” due gli appuntamenti locali in calendario: il primo a S. Margherita di Belice il 26 novembre, presso il teatro Sant’Alessandro, e l’altro a Montevago il 28 novembre, presso la sala consiliare.   

Promotori un cartello costituito da: i Democratici per il NO, il Coordinamento Democrazia Costituzione e il Movimento 5 Stelle. Uniti per dire “no”, al referendum costituzionale, “in difesa della sovranità popolare, principio fondamentale della Costituzione Italiana”.

A S. Margherita di Belice, alle ore 17,30, presso il Teatro Sant'Alessandro, interverranno Enzo di Salvatore (costituzionalista), Massimo Raso (segretario provinciale GCIL) e Ida Carmina (sindaco di Porto Empedocle).

A Montevago, sempre alle ore 17,30, presso l' Aula Consiliare, coordinati da Teresa Monteleone (Assemblea regionale PD), relazioneranno l’on. Angelo Capodicasa (deputato PD), l’on. Matteo Mangiacavallo (deputato dell’A.R.S. M5S), Angelo Lauricella (presidente provinciale A.N.P.I.), Massimo Raso (segretario generale CGIL Agrigento).

Come è ormai risaputo, la riforma costituzionale Renzi-Boschi prevede: il superamento del bicameralismo paritario (perfetto), la riduzione dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Consiglio Nazionale dell' Economia e del Lavoro (CNEL), la revisione del Titolo V della seconda parte della Costituzione.

Questa riforma, per i sostenitori del “no”, è anticostituzionale e modifica il sistema parlamentare, principio di formazione dello Stato. Violerebbe anche l’art. 1 della Costituzione Italiana, laddove si sancisce che la “sovranità appartiene al Popolo”, sovranità che si esprime attraverso il voto dei cittadini.

Per i sostenitore del “no”, per la riforma Renzi-Boschi vi sarebbe un grande interesse dell’Unione Europea e degli USA. Secondo i sostenitori di questa tesi, l’attuale Costituzione Italiana rappresenterebbe una barriera per il TTIP (Trattato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti tra USA e UE).

Il TTIP, per la globalizzazione, rappresenta un trattato d’importanza storica. Crea un mercato, le cui regole, caratteristiche e priorità, non verranno più determinati dal nostro Parlamento italiano, ma sarà modellato da "Organismi Tecnici Sovranazionali" sulle esigenze dei grandi gruppi transnazionali. Le aeree di intervento interessano: banche, sanità, appalti, imprese, regolamentazioni fitosanitarie e altro. Ecco perché gli organizzatori dei due incontri invitano a votare “no” al referendum che si svolgerà il prossimo 4 dicembre.

I due incontri saranno l’occasione per verificare quanti “costituzionalisti da web” locali interverranno con le loro “parole” (e non con quelle del copia e incolla) per sostenere le loro tesi. Interessante. Sarà interessante.

 

                           
Articoli Correlati
Riceviamo e pubblichiamo  di Francesco Barbera Gli attivisti 5 Stelle di Santa Margherita di Belìce comunicano che in data 14.10.2016, ore 16, in occasione del.... Cosa si prevede per il dopo Sogeir? Ovvero chi gestirà il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani per i Comuni di Santa Margherita di Belice e Montevago? Se ne.... “Le donne hanno ancora bisogno del principe azzurro?”. Questo il tema dell’incontro, fissato per sabato 25 novembre a Santa Margherita di Belice per la.... Riceviamo e pubblichiamo l’appello inviatoci dal consigliere Gaspare Viola GIU’ LE MANI DALLA NOSTRA ACQUA  Vogliono prendersi la nostra acqua, le nostre.... Asilo politico: il Belìce accoglie? Questo il tema dell'incontro promosso dal Lions Club Sambuca Belice per il 15 giugno, ore 16,30 presso il teatro L'Idea di Sambuca di....