Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Ricordato all'ARS l'on. Salvatore Lauricella. Intervento di Antonino Gulotta
Ricordato all'ARS l'on. Salvatore Lauricella. Intervento di Antonino Gulotta admin
admin - giovedì, 10 novembre, 2016
Visualizzazioni: 99
News [1238]

di Antonino Gulotta (*)

Il sette novembre scorso si è svolto presso la sala gialla dell'Assemblea Regionale Siciliana un convegno sulla figura dell'onorevole Salvatore Lauricella, nel ventennale della sua scomparsa.

Personalità autorevole della politica nazionale e regionale, emerge la sua non comune dote di abile amministratore nel paese di Ravanusa dove ricoprirà per diverse volte la carica di sindaco. La capacità di grande comunicatore e tessitore della politica locale lo porta presto a ricoprire incarichi di parlamentare nazionale, di Ministro per l'Università e la ricerca, prima, e dei lavori pubblici dopo e di Presidente della Assemblea Regionale Siciliana.

Tutti gli eventi politici accaduti nella Sicilia hanno avuto come protagonista indiscusso e risolutore l'on. Lauricella: la vicenda del governo Milazzo (1960), il ruolo della Sicilia nel Mediterraneo, la lotta alla mafia, la costruzione della rete autostradale. Convinto dell'autonomia socialista, fu prima vicino alle posizione di Pietro Nenni e dopo di Francesco De Martino;  ascoltato e rispettato all'interno e fuori dal partito, gli fu riconosciuto sempre un ruolo cruciale nella politica del centrosinistra. In ogni discorso, emergeva sempre la sua alta personalità politica, in tutta la sua complessità e ricchezza: la finezza e la duttilità si alternavano alla determinazione nel difendere il Partito Socialista e i compagni, alla difesa del meridionalismo, senza mai staccarlo dal contesto nazionale, all'autonomismo siciliano.

Fu un grande amico dell'on. dott. Gaetano Gulotta, mio padre, con il quale condivise una vita di battaglie e di rapporti personali unici e irripetibili; nessuno dei due mise  mai in discussione la fraterna amicizia nel seguire insieme gli ideali e i propositi socialisti. Salvatore Lauricella fu sempre presente nella vita di mio padre e lui fu presente nella sua; un breve periodo di distacco, non fece mai venir meno l'affetto e la stima, l'uno nei confronti dell'altro.

Significativa la presenza di Lauricella nei momenti drammatici del sisma del 1968: in continuo contatto con mio padre, in quel momento Sindaco di Santa Margherita di Belice, non si sottrasse a un forte intervento di solidarietà nei suoi confronti e delle popolazioni colpite, alla Camera dei Deputati il 06.02.1968, di cui qui riporto integralmente un passaggio: “devo dare atto ai sindaci democratici del comuni colpiti dalla calamità della loro coraggiosa e disinteressata opera svolta ad offrire, oltre la catastrofe e la violenza del sisma, la continuità della presenza dell'amministrazione civica e a garantire il soccorso e l'assistenza alle popolazioni colpite. E' un atto nobile, generoso, che si iscrive nelle pagine della storia di questo doloroso evento; è un atto di dedizione altamente meritorio, che non possiamo non sottolineare in questo momento.” Ed ancora: “Desidero infine rinnovare il commosso sentimento di partecipazione e di solidarietà del mio gruppo alle popolazioni colpite; alle vittime cadute, alle quali ci auguriamo di dare l'unico tributo effettivo di omaggio e cordoglio, e cioè la completezza dell'opera di ricostruzione.”

Merita un ricordo mio personale. Ho avuto il privilegio di conoscerlo, di stare sulle sue ginocchia, di vivere la sua famiglia. Come sopra esposto, fu come un fratello per mio padre, e non lo abbandonò mai nei momenti difficili. In un telegramma inviato a mio padre dopo una sua vicenda che lo vide coinvolto e assolutamente estraneo ai fatti scrisse testualmente: “caro Tano, sono felice per te. La tua dirittura morale, nella vita, nella professione, nei rapporti umani e nella politica non potrà mai essere messa in discussione da soggetti che mirano solo a screditarti. Qualsiasi cosa troverà me sempre al tuo fianco per continuare insieme le battaglie che caratterizzano la  tua vita”. Incoraggiò sempre l'on. Gulotta, Assessore regionale alla Sanità,  nella sue riforme della sanità regionale, difendendo la politica di sviluppo delle guardie mediche e degli ospedali.

Desidero qui ringraziare l'onorevole Giuseppe Lauricella che in un convegno promosso poco tempo fa a Santa Margherita, prendendo la parola , ha voluto ricordare mio padre e il  suo impegno per questa splendida terra, per il suo amore per Santa Margherita e per i concittadini, ai quali non ha chiesto mai nulla e che ha sempre dato tutto; lo ha ricordato sempre, lui insieme a tutti i compagni della Sicilia.  Solo l'inadeguatezza, l'incapacità e la mala fede porta i c.d. “socialisti locali” (?) a non ricordarlo, quando si avrebbe il dovere di farlo.

Salvatore Lauricella e Gaetano Gulotta: due uomini, due agrigentini, due politici di alto spessore. Dopo di loro, nelle amministrazioni, nella politica regionale e nazionale, il nulla.

(*) Avvocato

 

                           
Articoli Correlati
Il Presidente dell’Associazione Stelle del Gattopardo A.S.D.  Enzo Benistati ha rilasciato una pergamena, con encomio solenne a ricordo, al comitato spontaneo.... Riceviamo e pubblichiamo Un augurio affettuoso e sincero da parte mia per un sereno Natale ai lettori di questo preziosissimo giornale, che l'amico Joseph Cacioppo dirige con.... Dopo il Premio Letterario continuano, a Santa Margherita di Belìce, le manifestazioni dedicate a Giuseppe Tomasi di Lampedusa e al celebre romanzo “Il.... Primo compleanno per Martina Giambalvo. A festeggiarla c’era tutto l’affetto dei familiari, dei parenti e degli amici. Una serata che la piccola e simpaticissima.... Le coppie della Royal Dance di Santa Margherita di Belice, dei Maestri Antonino Barbera e Rita La Sala, hanno ottenuto un ottimo risultato al Trofeo Agari Coreau che si....