Online il nuovo sito de "L'Araldo"
"Social Mum", di Giulia La Face, diario semiserio di una madre alle prese con la sua adolescente
"Social Mum", di Giulia La Face, diario semiserio di una madre alle prese con la sua adolescente admin
admin - giovedì, 25 agosto, 2016
Visualizzazioni: 144
Cultura&Turismo [65]

di Joseph Cacioppo
Chissà quante sono le mamme che si vedono costrette a frequentare i social network per cercare di capire i comportamenti dei propri figli, specie se adolescenti.
Giulia, la protagonista di “Social Mum” di Giulia La Face (Graphofeel editore), lo fa. Non per spiare i propri figli, ma solo per avere un posto in prima file nel “loro mondo”.
Già, il loro mondo. Il mondo degli adolescenti, questo sconosciuto. Almeno ai rispettivi genitori.
Così ogni rapporto genitori/figli viene vissuto come esclusivo. Quasi che fosse un rapporto isolato. E invece no, Giulia La Face con il suo “diario semiserio di una mamma alle prese con la sua adolescente” ci ricorda che le nostre esperienze sono le varie facce del più generale confronto generazionale.
Solo che, a differenza dell’adolescenza degli odierni genitori in cui la comunicazione aveva tanti limiti, i giovani di oggi sono in continuo contatto con i loro coetanei tramite quello che in “Social Mum” viene indicato come “la protesi ad una mano”: il cellulare.
Ecco perché la mamma dell’adolescente frequenta i social: capire cosa pensa, cosa attira e cosa preoccupa la sua “erede”.
Più si conosce il loro mondo e più si è aiutati ad attraversare questo periodo che si manifesta con scontri, contrapposizioni, incomprensioni ma anche con vistose manifestazioni di affetto.
Il disagio dei nostri adolescenti non va confuso con quello narrato ne “Il giovane Holden” di Salinger e nemmeno con quello de “La barca nel bosco” di Mastrocola. Non si tratta di solitudine o disagio sociale, ma di difficoltà a coniugare il mondo virtuale con quello reale.
E questa difficoltà non viene rappresentata con rimandi a saggi di sociologia o psicologia, ma semplicemente attraverso delle “istantanee” di vita quotidiana affidate ad un diario.
Un diario che ogni genitore, alle prese con il suo adolescente, scrive quotidianamente, anche solo mentalmente, nei momenti di arrabbiatura, di gioia, di insofferenza, di soddisfazione.
Quante volte ci ritroviamo a domandarci: “ma da chi ha preso”? “Cosa ho fatto di male per meritare questo”? “No, non può essere figlio mio”. Salvo poi dimenticare tutto quando siamo destinatari di gesti di affetto ed effusioni da quegli stessi adolescenti che dieci minuti prima abbiamo minacciato di diseredare.
Giulia La Face coglie l’essenza di questo rapporto madre-figlia (leggasi: genitore/figlio) con tono disincantato e scanzonato, fino a far notare che anche il belloccio che per strada segue la madre con lo sguardo è il segno che “in fondo lei esiste ancora”. Malgrado i figli che crescono.
Ultimata la lettura del libro viene un dubbio: l’autrice di “Social Mum” si è divertita a scrivere il libro o l’ha scritto per fare divertire i lettori inducendoli a riflettere con disincando sui loro presunti drammi quotidiani?
Glielo chiederemo a S. Margherita, venerdì 26 agosto, presso i "Giardini del Gattopardo".

                           
Articoli Correlati
La ricerca del proprio "sè". Questo il tema conduttore del "caffè letterario" svoltosi a Santa margherita di belice, il 26 agosto, presso "I Giardini del.... Per iniziativa dell'Associazione giovanile Atlantide, si svolgerà a S. Margherita il 1° rtorneo "PES 2012". Le iscrizioni sono aperte fino al 4 dicembre. Il torneo.... di Joseph Cacioppo Il sindaco di S. Margherita di Belice, Franco Valenti, non deve aver partecipato al Caffè letterario svoltosi questa estate presso i “Giardini.... Anna Di MArco è la seconda classificata del concorso letterario promosso da Sciaccart 2014. L'Araldo, per gentile concessione dell'autrice, pubblica.... Si parlerà di scuola e di teoria del “gender” al primo di una serie di incontri pubblici promossi dall’Associazione “Atlantide” di Santa....