Online il nuovo sito de "L'Araldo"
L'eros del Gattopardo, i cabbasisi dei siciliani e l'incompreso Navarro. Se ne è parlato a S. Margherita in un Caffè letterario
L'eros del Gattopardo, i cabbasisi dei siciliani e l'incompreso Navarro. Se ne è parlato a S. Margherita in un Caffè letterario admin
admin - giovedì, 4 agosto, 2016
Visualizzazioni: 222
News [1241]

Interessante Caffè letterario ieri sera a Santa Margherita di Belice. Il Team di “Sicilia my love”, nell’accogliente 2° cortile di palazzo Filangeri-Cutò, ha tessuto quel filo invisibile che lega i tanti letterati legati alla provincia di Agrigento: da Emanuele Navarro, a Giovanni Verga, Luigi Pirandello e Leonardo Sciascia, passando per Giuseppe Tomasi di Lampedusa e Andrea Camilleri. Una serie di “ritratti”, pennellati attraverso le opere, gli aneddoti, le esperienze di vita, che hanno preso corpo con gli interventi dei numerosi e preparati relatori

Si è ricordata l’esperienza parigina di Emanuele Navarro, originario di Sambuca di Sicilia, che non ha avuto i riconoscimenti che la sua opera merita. E mentre sullo schermo venivano proiettate le immagini della rivista “Fanfulla”, alla quale ha collaborato durante la sua permanenza a Milano, è stato ricordato che Navarro ha chiamato a collaborare alla rivista da lui diretta: “La Fronda”, anche Luigi Capuana e Giovanni Verga.

Di Pirandello è stata evidenziata la sua passione per la pittura. Mentre di Leonardo Sciascia è stato tratteggiato il suo impegno sociale anche in ambito locale.

Non potevano mancare i richiami ai temi della solitudine e della morte nell’opera di Tomasi di Lampedusa, contrapposti all’eros che trova spazio ne “Il Gattopardo”.

Il tema del Caffè letterario è stato incentrato su “l’altra Sicilia”. A chi si è fregiato di essersene andato dalla Sicilia prima di compiere 20 anni, si è contrapposto chi in Sicilia è rimasto ed ha lasciato il segno.

Resta da capire se i “cabbasisi” (termine – come è stato ricordato dalla relatrice che ha concluso i lavori - reso mondiale da Andrea Camilleri) sono da riconoscere a chi va via dalla Sicilia prima dei 20 anni o a chi rimane e diviene “siciliano” nell’anima. Ovvero, per usare una terminologia cara a Camilleri, ai siciliani di scoglio o ai siciliani di alto mare?

Assenti, tra il pubblico, i margheritesi. Sintomo che, come emerso in un dibattito su facebook tra ventenni, Santa Margherita di Belice non è un paese di cultura?

 

                           
Articoli Correlati
Oggi, domenica 12 marzo, al Teatro Samonà di Sciacca, torna in scena “La Nana” di Emanuele Navarro della Miraglia, riduzione e adattamento teatrale di.... Sdoganato l’erotismo nell’opera letteraria di Emanuele Navarro. Sembra questa la novità più evidente del “III Convegno studi navarriani”.... Quante similitudini tra il Gattopardo e Beppe Grillo. Almeno sulla rete. La leggenda vuole che Beppe Grillo tolga dal suo blog i commenti non allineati al “pensiero.... Il 10 e 11 dicembre, al Teatro comunale l'Idea di Sambuca di Sicilia,  dopo 36 anni, torna in scena "La Nana" di Emanuele Navarro della Miraglia, riduzione e adattamento.... Un pinolo si innamora di una slanciata foglia di rucola, le lenticchie decidono di portare davvero fortuna e nella notte i fornelli si arrovellano sul perché delle cose.....