Online il nuovo sito de "L'Araldo"
L'avidità della competizione: rischio e pericolo senza fine
L'avidità della competizione: rischio e pericolo senza fine admin
admin - martedì, 19 luglio, 2016
Visualizzazioni: 101
News [1239]

di Marilena Marsala

Col termine competizione si può indicare un interazione tra individui di una specie o specie diverse provocata dalla comune esigenza di accedere a una risorsa disponibile in quantità limitata, la cui mancanza determina una della sopravvivenza, dell'accrescimento e della riproduzione degli individui in competizione.

Essa può avvenire per lo spazio, per luce, per il cibo, la riproduzione etc, aumenta quanto più le specie sono affini.

La competizione è spesso asimmetrica: ovvero tra i due partner di un associazione competitiva una specie può essere più efficiente rispetto all'altra nell'utilizzo della risorsa. Si distingue inoltre: per consumo; per sovraccrescimento; per meccanismi chimici; per territorialismo; per scontro diretto o lotta.

In pedagogia la competizione era considerata un importante fattore di stimolo in vista dello sviluppo di particolari abilità o del conseguimento di migliori risultati nell'apprendimento.

La competizione può anche essere avida, ovvero priva di senso proprio, in quanto essa può essere accettata entro i limiti e i canoni del saper vivere. Un'interazione dunque pericolosa e senza fine, in quanto la sua stessa fine è pregiudicata e accelerata dal fatto che essa non conosce ragioni.

Ragion per cui competere non è altro che una scusa per sentirsi meno soli.

A mio parere esiste poi una sua avidità, ovvero il desiderio intenso di denaro, di guadagno, di cibo, talora anche con senso positivo di gloria di imparare. Essa condanna ad una perenne insoddisfazione, caratterizzata dal desiderio di possedimenti che diventa eccessivo e incontrollato, perfino della vera causa scatenante delle guerre.

Bisognerebbe dunque non farsi influenzare da questo fenomeno in modo eccessivo, in quanto le persone sono tali perchè diverse e caratterizzate da un sapere sempre diverso e personale tra di loro.

                           
Articoli Correlati
Un altro alto burocrate lascia il Comune di S. Margherita di Belice. Dal 30 dicembre prossimo il rag. Filippo Caladra lascierà il suo delicato incarico per raggiunti.... Gentilissimo Signor Sindaco Avv. Francesco Valenti, con la presente, i residenti nella via Puccini richiamano la Sua attenzione e richiedono il Suo intervento per la.... Ricostruzione paralizzata a Santa Margherita di Belice? I piani particolareggiati di ricostruzione denominati “Vecchio Centro” e “Nuovo Centro” pare che.... L'Assessore alla viabilità, Melchiorre Ferraro, ha reso noto che nei prossimi giorni continueranno gli interventi di manutenzione delle strade. Gli interventi prevedono.... Si inaugura a Montevago, lunedì 22 agosto, ore 18,30, lo sportello antiviolenza. L’evento è inserito nella programmazione delle manifestazioni estive del....