Online il nuovo sito de "L'Araldo"
DIARIO PER LA FIDANZATA DI ITALO SVEVO
Un ritratto inedito del grande scrittore
DIARIO PER LA FIDANZATA DI ITALO SVEVO admin
admin - lunedì, 21 marzo, 2016
Visualizzazioni: 108
Apelibraria [60]


di Laura Bonelli

“La mia sposa è un bombon e io spero che mangiandolo i miei denti marci risaneranno. La mia sposa è un fiore e il mio egoismo lo circonderà in modo che il suo olezzo non sarà destinato che al solo mio naso. La mia sposa è un frutto maturo che madre natura mi gettò in grembo e là stia. Tutte le parti che i miei denti e il mio vecchio stomaco non sapranno apprezzare, resteranno là inaccolte, create invano, la mia dannazione, perché io starò là in guardia, soffrendo e facendo soffrire. La mia sposa non sa ancora d’essere tanto mia ed io glielo apprenderò nei lunghi anni che seguiranno; ma ancora non sa come io saprò invigilare i suoi pensieri oltre che i suoi passi. M’ami o non m’ami io la terrò per soffrire e per farla soffrire”

Il percorso letterario di Italo Svevo fu costellato di difficoltà e il successo avvenne solo tardivamente. Passarono inosservati i suoi primi due romanzi “Una vita” e “Senilità” e anche il suo terzo lavoro,“La coscienza di Zeno”, scritto a 25 anni di distanza dai primi due, esplose in notorietà a due anni dall’uscita e grazie sopratutto all’intervento di James Joyce, suo insegnante di inglese, che lesse i suoi scritti e volle aiutarlo.

Nel 1897 sposò sua cugina, Livia Veneziani e il libro “Diario per la fidanzata” (Damocle Edizioni) è il racconto, da parte dell’autore, dei mesi che precedono il loro matrimonio.  Compilato quasi giornalmente, ha come centro dei  pensieri e delle  riflessioni la sua amata e rivela la natura di Svevo come uomo, mettendo a nudo alcune peculiarità del carattere  che poi verranno approfondite nei suoi lavori letterari. Dalla difficoltà a smettere di fumare, promessa più volte fatta a Livia senza riuscire a mantenerla, al senso di inadeguatezza nei confronti della giovane.

Emergono anche la gelosia, il focoso desiderio di possesso e il bisogno di realizzazione che Svevo intravede nel matrimonio. Un ritratto interessante ed inedito di uno scrittore che guarda verso se stesso in modo spietato e, al contrario rivela uno sguardo poetico nei confronti della sua fidanzata,  nella quale ritrova una vera ancora di salvezza.




                           
Articoli Correlati
La tradizionale festa di S. Giuseppe e quella degli Archi di S. Biagio Platani in un reportage dell'italo-americana di origine margheritese Theresa Maggio. Il video su.... Il rapporto tra i margheritesi d'America e quelli che vivono nel paese del Gattopardo, ha radici profonde. Rapporti tenuti anche a livello esoterico. Una testimonianza.... di Joseph CacioppoChissà quante sono le mamme che si vedono costrette a frequentare i social network per cercare di capire i comportamenti dei propri figli, specie se.... Due le nuove logge costiuite nella Valle del Belice. Una a Santa Margherita del Belice ad opera del GOI (Grande Oriente d'Italia) ed un'altra a Montevago ad opera del GLRI.... Anche il giornale italo-americano, AmericaOggi, ha dato notizia della partecipazione del sindaco di Santa Margherita di Belice, Franco Valenti, all'edizione 2012 del Columbus....