Online il nuovo sito de "L'Araldo"
IL TACCUINO DI SIMONE WEIL di Guia Risari e Pia Valentinis
La vita della pensatrice raccontata ai ragazzi
IL TACCUINO DI SIMONE WEIL di Guia Risari e Pia Valentinis admin
admin - martedì, 16 febbraio, 2016
Visualizzazioni: 119
Apelibraria [60]

di Laura Bonelli

“D’improvviso mi è venuta voglia di musica. Non so di preciso di che tipo. Musica e basta. E poi avrei voglia di sentire delle voci che, unendosi, creano una sinfonia. Ripenso al Portogallo e ai canti delle mogli dei pescatori. Quelle donne erano così semplici e strazianti. Se ne stavano nei loro vestiti neri a osservare il mare, come se volessero costringerlo a obbedire. Gli cantavano per ammansirlo e pregarlo”.



Sembra un’impresa difficile riuscire a parlare ai ragazzi di un personaggio complesso e indecifrabile come Simone Weil. Vuol dire attraversare la prima metà del ‘900 guardandolo attraverso le speranze degli ideali civili e spirituali più alti, ma anche attraverso le nevrosi e l’irrequietezza di una gioventù che non sa trovare il proprio posto nella società.


Ci riesce egregiamente Guia Risari, nel suo libro “Il taccuino di Simone Weil” (rueBallu Edizioni) in cui la filosofa prende voce attraverso un diario, intimo, semplice, ma in grado di raccontare il suo pensiero politico, esistenziale e la lotta contro una salute malferma a livello fisico e mentale a cui non si volle mai piegare, ma che le fece trovare la morte a soli trentaquattro anni.


Anarchica, mistica, tormentata, Simone Weil passa la sua giovane esistenza in slanci appassionati che vuole vivere in prima persona preferendo sperimentare la dura condizione operaia di quel tempo alla placida carriera di insegnante.

Riflette sull’importanza della non-violenza quando la seconda guerra mondiale è alle porte e approfondisce il cristianesimo in modo del tutto originale, senza mai “convertirsi” e con una dedizione e uno spasimo tipici del misticismo medioevale.


Il libro si avvale delle splendide illustrazioni di Pia Valentinis che trasmettono il senso di un’epoca in cui sta crescendo il pensiero nazista e lo sforzo di un pensiero, vero inno alla bellezza, che cerca di contrastarlo.



“Niente più della campagna dà un senso preciso del valore del lavoro: ci vogliono costanza, abitudine e anche una certa grazia.

In più la campagna, con i suoi silenzi e la sua natura, permette di pensare alla bellezza del mondo e di contemplarla. In campagna, ho capito che bisognava imitare la bellezza, rinunciando ad agire e a considerarsi il centro dell’universo. L’essere umano non è il vero protagonista della scena e non è nemmeno l’unico. Tutti i punti dell’universo sono al centro.”

                           
Articoli Correlati
Riceviamo e pubblichiamo Terme Acqua Pia a distanza di alcune settimane dall'esondazione del fiume Belìce, ha provveduto a informare tutti gli organi istituzionali.... Un Ospite d'eccezione alle Terme Acqua Pia , Cristiano Militello, da tempo protagonista sugli schermi televisivi con "Striscia lo striscione" su Canale 5. L'artista si è.... di Francesco Graffeo Ultimate le riprese di una Troupe della  televisione giapponese  “Nippon TV network”  alle Terme Acqua Pia  di Montevago.... Il 16 maggio scorso, 50 studenti, accompagnati dal dirigente scolastico, Prof. Giuseppe Graffeo, dell'Istituto di Istruzione Superiore “Luigi Pirandello” di Bivona,....     INCANTI DI SIMONE CUMBO Immenso nelle mie moltitudini Perduto tra le mie rivoluzioni Incagliato sugli scogli dell'amore Mastico incanti    ....