Online il nuovo sito de "L'Araldo"
"Io non ci sto più". A S. Margherita di Belice la ricostruzione è in "ferie" da un mese e mezzo
"Io non ci sto più". A S. Margherita di Belice la ricostruzione è in "ferie" da un mese e mezzo admin
admin - sabato, 30 gennaio, 2016
Visualizzazioni: 158
News [1238]

"Io non ci sto più". Questa la frase che ha caratterizzato il 48° anniversario del sisma del gennaio 1968 che sconvolse la Valle del Belìce. A pronunciarla è stato il sindaco di Santa Margherita di Belice, Franco Valenti. Era il 15 gennaio 2016. A quella data, la speciale commissione edilizia, che si occupa dei progetti edilizi degli immobili interessati dal terremoto del '68, a S. Margherita di Belìce da un mese non veniva convocata. Ad oggi, 30 gennaio 2016, dopo un mese e mezzo dall'ultima seduta della speciale commissione edilizia, non si ha notizia che la Commissione ex art. 5 L. 178/76 di S. Margherita di Belice sia stata convocata.

A chi era rivolto lo "sfogo" del sindaco Franco Valenti pronunciato il 15 gennaio scorso?

La speciale commissione edilizia è stata istituita con una legge del 1976. Archeologia. Di essa fanno parte dei componenti di nomina politica: tre eletti dalla maggioranza consiliare e due dalla minoranza. A presiederla è il sindaco, o un suo delegato. Archeologia.

Da tempo i politici sono stati esclusi dagli atti di gestione. Così non è stato per la ricostruzione del Belìce. E così, dopo 48 anni, la ricostruzione della Valle del Belìce risente degli umori della politica locale.

Mentre la politica nazionale e regionale punta alla semplificazione dell'iter burocratico connesso all'edilizia: istituto del silenzio-assenso, DIA (denuncia inizio attività), ed è in arrivo la "conferenza di servizi" online, la ricostruzione del Belìce dipende ancora da una commissione i cui membri, in maggioranza, sono eletti dal consiglio comunale. Ed i tempi per l'esame di un progetto sono bibblici.

Eppure lo spirito delle "commissioni ex art. 5 L. 178/76" era proprio quello della "conferenza di servizi": in una sola riunione si ottenevano tutti i pareri previsti per l'approvazione definitiva di un progetto edilizio.

Adesso con la scusa della "specialità" si disattendono tutte le norme che puntano a semplificare le procedure del settore edile e del procedimento amministrativo. Malgrado lo "sportello unico dell'edilizia" sia stato recepito anche in Sicilia, la ricostruzione post-terremoto armeggia ancora con attrezzi archeologici. Per consentire alla politica locale di non deporre le armi.

Già, a chi era rivolto lo "sfogo" del sindaco Valenti pronunciato il 15 gennaio scorso?

 

 

                           
Articoli Correlati
Quando il sindaco Franco Valenti ha pronunciato il suo j’accuse: “Io non ci sto più” era il 15 gennaio 2016, giorno del 48° anniversario del.... Per iniziativa dell'Associazione giovanile Atlantide, si svolgerà a S. Margherita il 1° rtorneo "PES 2012". Le iscrizioni sono aperte fino al 4 dicembre. Il torneo.... Si parlerà di scuola e di teoria del “gender” al primo di una serie di incontri pubblici promossi dall’Associazione “Atlantide” di Santa.... Riceviamo e pubblichiamo Egregio Direttore del mensile l'Araldo Joseph Cacioppo tramite il Suo giornale desidero fortemente ringraziare il Signor Sindaco di Santa Margherita.... Anna Di MArco è la seconda classificata del concorso letterario promosso da Sciaccart 2014. L'Araldo, per gentile concessione dell'autrice, pubblica....