Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Risultati contrastanti per il corrispondente del Giornale di Sicilia sul decoro urbano di S. Margherita
Risultati contrastanti per il corrispondente del Giornale di Sicilia sul decoro urbano di S. Margherita admin
admin - sabato, 28 novembre, 2015
Visualizzazioni: 68
News [1238]

Era il 29 novembre 2013 quando il corrispondente del Giornale di Sicilia, nonchè architetto ed esperto di sicurezza sui luoghi di lavoro, Francesco Graffeo, denunciava sulla sua pagina facebook – per sensibilizzare l’opinione pubblica - presunte violazioni delle norme sui cantieri edili a Santa Margherita di Belice.

Da bravo cronista ha pubblicato la foto con impressa la data per dare prova della tempestività della notizia. Correttamente non ha rivelato la fonte della segnalazione pervenutagli e che ha pubblica sulla sua personale pagina facebook. La sua pagina facebook non è una testata giornalistica, ma questi sono dettagli che al "cronista di assalto" devono sembrare dettagli di poco conto. L’importante è sollecitare il recupero del decoro urbano del centro storico del paese del Cafè House.

Da quel "post" su facebook sono passati due anni. Il cantiere è ancora fermo a come lo ha fotografato il bravo ed appassionato giornalista di inchieste e denuncie.

La segnalazione dell'impegnato giornalista, però, non è servita a sbloccare l'impasse che, a 48 anni di distanza dal terremoto del gennaio 1968, vede ancora "casa Sedara" ridotta a macerie.

Eppure lo strumento urbanistico, approvato dall'Assessorato regionale al Territorio ed Ambiente nel 1986 - recependo due pareri della Soprintendenza BBCC, uno del 1983 e l'altro del 1985 - prescrive espressamente che "la parte crollata della Palazzata va ricostruita in chiave moderna".

Il corrispondente del Giornale di Sicilia, però, non ne fa menzione nella sua "fotonotizia". Il "dettaglio" sfugge anche a Caterina Greco, Soprintendente ai BBCCAA di Agrigento, ed a Franco Valenti, sindaco del Comune di Santa Margherita di Belice, nonchè presidente della speciale commissione ex art. 5 L. 178/76 che dovrebbe esaminare il progetto di ricostruzione post-terremoto.

Progetto che, pare, sia stato presentato nel 2009 e mai esaminato. Malgrado lo "stimolo" del giornalista di inchiesta (e consulente del sindaco del Comune di Santa Margherita di Belice), architetto Francesco Graffeo.

Maggiori risultati, invece, il "giornalista d'assalto" li sta ottenendo con la sua campagna di stampa a favore della demolizione di palazzo Saieva-Lombardo decisa dal sindaco del Comune di Santa Margherita di Belice. Campagna di sensibilizzazione iniziata a settembre con l’input del sindaco Valenti e che potrebbe portare a dei risultati nei prossimi mesi.  

Maggiori dettagli sul prossimo numero de L'Araldo.

 

 

                           
Articoli Correlati
La campagna di sensibilizzazione verso il decoro urbano, avviata dall'assessore al ramo di Santa Margherita di Belice, Tanino Bonifacio, prevede anche la messa a dimora di.... Riceviamo e pubblichiamo Egregio Direttore, Le scrivo per farle notare, qualora Lei non l'avesse già fatto, che Santa Margherita, la città.... L'assessore al decoro urbano di Santa Margherita di Belice pare pensare alle sue dimissioni. La decisione sembrerebbe derivare dal fallimento del suo programma educativo sul.... Gran bella cosa l'informazione. Specie quella che spiega ciò che il burocratese da per scontato, ma scontato non è. Prendiamo un esempio dalla cronaca di questi.... I nostri errori Le panchine di piazza Emanuela Loi sono in manutenzione. Nessun atto di vandalismo, dunque, come erroneamente pubblicato ieri su questo sito. L'intervento di....