Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Un Buddha in giardino, di Franco Rosselli: un saga familiare che fa riflettere
Un Buddha in giardino, di Franco Rosselli: un saga familiare che fa riflettere admin
admin - domenica, 6 settembre, 2015
Visualizzazioni: 105
Cultura&Turismo [65]

A sentire Selma, la protagonista di “Un Buddha in giardino”, di Franco Rosselli, dovremmo agire ascoltando il cuore. Facile a dirsi. Le cose si complicano se in campo scendono questioni razziali o di genere, ovvero pregiudizi e incomprensioni.

La saga di una famiglia afroamericana è la scusa per scrutare l’animo umano nel suo cammino della vita.

Selma, una donna di colore che sposa un italiano, è il “centro di gravità permanente” (by Franco Battiato) dove ogni problematica culturale e interiore è incanalata sulla strada del buon senso e del rispetto di se e degli altri. Dove il cuore deve indicare la “rotta” ma sempre lungo la via della propria dignità e assunzione di responsabilità.

Le singole storie, che tengono incollato il lettore fino all’ultima pagina (solo 326), s’intrecciano l’una con l’altra, così come i temi: la forza del vincolo familiare, l’integrazione razziale, l’omosessualità, l’antisemitismo, i sentimenti, l’amicizia.

Franco Rosselli ne “Il Buddha in giardino” (Graphofeel edizioni, € 14,00) compone un puzzle con i pezzi delle varie sfaccettature dell’animo umano, con i suoi timori, le sue ansie e le sue attese, in una società che evolve.

Il “pianto” dei personaggi, siano essi donne o uomini, da forza e umanità alle varie storie del romanzo. Quasi a dire che non bisogna vergognarsi di piangere.

Il romanzo è una sorta di fiaba, dove ogni tassello del puzzle si colloca nella giusta posizione, ma non è questa la caratteristica di questo gioco a incastri.

La chiave di lettura è il personaggio di Selma che, forte della sua esperienza: lei nera sposa un italiano emigrato in America quando ciò non era ancora “normale”, riesce a infondere tranquillità e incoraggia a essere quello che si è, facendosi guidare dal cuore.

E quando riceve la lettera con la quale il figlio Henry le comunica di essersi innamorato di un uomo, “Selma piegò la lettera e la infilò dentro la scollatura, così che vicino al suo cuore le parole di Henry trovarono un caldo rifugio”.  E comunicando la notizia al resto della famiglia Selma usa parole di madre: “Lui è mio figlio, e ha dimostrato di possedere un grande coraggio, sono orgogliosa di lui”.

Stesso atteggiamento Selma lo riserva agli altri figli alle prese con le varie problematiche della vita.

Sentimentalismo? O più semplicemente una “istantanea” dei tempi che cambiano? Ovvero la conferma che la cosiddetta “morale” dipende dal luogo e dal tempo? Una cosa è certa: il romanzo di Franco Rosselli qualche riflessione la stimola.

 

Franco Roselli nasce in Friuli nel 1950, dopo anni di attività come “ghost writer” per alcuni sceneggiatori e registi del cinema europeo, lavora come autore e regista teatrale in Italia, Francia e Spagna. Approda alla RAI TV come regista nel 1987 e da anni è entrato nel gruppo di autori della trasmissione di RAI 3, Blob. Ha pubblicato un libro di racconti, Prima un idiota edito da Filippi Editore-Venezia e un libro fotografico Porte e finestre edito da Vada Crosby. Adesso sta lavorando a una seconda raccolta di foto per il suo prossimo libro, My America. Vive a Roma e nel Connecticut.

 

                           
Articoli Correlati
Si inaugura a Montevago, lunedì 22 agosto, ore 18,30, lo sportello antiviolenza. L’evento è inserito nella programmazione delle manifestazioni estive del.... Nell’ambito del progetto degli screening oncologici promosso dalla regione Sicilia, l’A.S.P. (azienda sanitaria provinciale) di Agrigento ha avviato un controllo.... Onorio Abruzzo Torna fruibile un antico giardino della città. Una  partecipata festa di apertura, ha dato il via, la scorsa settimana, ad una nuova iniziativa.... E POI SUCCEDERA' DI MARIA MANCINO E poi succederà qualcosa Che muoverà la terra e il cielo Sprofonderà il senso della ragione Saranno salvi i.... L'intervento è stato già pubblicato sul n. 9 del 2002 de L'Araldo cartaceo. L'immagine è tratta dalla pagina fbk "Il Diario del Gattopardo" di Paolo....