Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Sicilia e sicilitudine, se ne è parlato ieri sera a Palazzo Filangeri di S. Margherita di Belice
Sicilia e sicilitudine, se ne è parlato ieri sera a Palazzo Filangeri di S. Margherita di Belice admin
admin - sabato, 1 agosto, 2015
Visualizzazioni: 219
News [1238]

Si è aperta ieri sera con un workshop intitolato “Sicilia e sicilitudine nel III millennio” la "Settimana gattopardiana", che culminerà la sera dell’8 agosto con la premiazione della scrittrice Fleur Jaeggy.

Il workshop, ideato e realizzato dallo scrittore Enzo Randazzo, ha visto la presenza di numerose personalità, nell’incantevole cornice del primo cortile del Palazzo Filangeri di Cutò, gremito di gente. Lo stesso Randazzo ha effettuato due brevi interventi ringraziando le autorità e fornendo la “sua” versione di Sicilia e sicilitudine.

“La Sicilia di Sciascia e Tomasi è in realtà una Sicilia proattiva, una Sicilia che vuole fare e che vuole scuotersi dal torpore, non una Sicilia irredimibile, come si è continuato a dire per molto tempo. Proprio questo è lo scopo del workshop”, ha detto lo scrittore, che ha sempre propugnato un’idea positiva della Sicilia e dei Siciliano, anche quelli emigrati all’estero, come spiega nel suo “Sicilia, my love”. 

Si sono alternati momenti musicali, con alcune canzoni tipiche siciliane eseguite dal duo Sciuval, e momenti di riflessione sull’argomento, declinato anche in chiave Expo. Ha moderato la serata la professoressa Claudia Brunetta, che ha ringraziato il numeroso pubblico intervenuto, introdotto gli interventi dei presenti e impreziosito la serata con bellissime citazioni di scrittori siciliani. “La Sicilia è il meraviglioso prodotto di 13 o 14 dominazioni, diceva Brancati, e noi siamo pienamente d’accordo”, ha precisato Claudia Brunetta.

Ha aperto gli interventi il sindaco, Franco Valenti, che ha detto che la Sicilia è terra di molteplici potenzialità. “Proprio da qui occorre partire, dall’orgoglio di essere siciliani, pur tra mille difficoltà”, ha ricordato il sindaco. Ha proseguito il prof. Matteo Raimondi, presidente dell’Istituzione “Tomasi di Lampedusa”, che ha ricordato ai presenti gli eventi che caratterizzeranno la settimana gattopardiana e ricordato l’affetto che il principe nutriva per il palazzo Filangeri.

Di “mal di Sicilia” ha invece parlato la prof.ssa Gisella Mondino, che ha ricordato l’attaccamento alla propria terra di tutti gli scrittori siciliani e raccontato un aneddoto su Sciascia, allettato con febbre a Parigi. La Mondino, infatti, ha raccontato che a Camilleri, giovane scrittore che gli chiedeva come stesse, Sciascia rispose con una frase in dialetto siciliano: “Sugnu cca, ittatu nu lettu, luntanu di la bedda Sicilia”, segno di un evidente “mal di Sicilia”.

La professoressa Daniela Rizzuto ha ricordato i miti sulla Sicilia e nati in Sicilia, mentre la Dirigente Mariangela Croce ha effettuato un dotto intervento sui letterati siciliani, a cominciare da Pirandello, innamorato della sua terra, pur nella consapevolezza delle sue contraddizioni. Mariangela Croce, presiede la giuria del concorso "Officina del racconto" riservato alle scuole del territorio e che stasera (1° agosto) premierà i vincitori.

Interessantissimi anche gli interventi dei due importanti medici presenti. La dottoressa Linda Pisano - insignita di un prestigioso premio internazionale a Birmingham per gli studi condotti sulla cardiochirurgia nell’equipe del Prof. Giovanni Ruvolo - ha parlato dell’importanza della ricerca e degli incontri stimolanti che in tutti i campi sono forieri di successi. “Posso dire con orgoglio che il premio è stato dato ad una squadra tutta siciliana, a riprova del fatto che, con un ottimo team work, è possibile raggiungere traguardi impensabili”, ha sottolineato la dottoressa.

Il Prof. Gaspare Gulotta ha parlato dei progressi della chirurgia in Sicilia. “Molto è stato fatto, ma molto si può ancora fare”, ha ricordato il prof. Gaspare Gulotta, confidando negli ulteriori successi della scienza.

Estremamente interessante anche l’intervento della dirigente scolastica Laura Sanfilippo sul rapporto, particolarissimo, tra Tomasi di Lampedusa e Palma di Montechiaro, da cui la sua famiglia proveniva. “Egli si emozionò profondamente, entrando nel monastero delle benedettine, e noi così vogliamo ricordarlo”, aggiungendo che la scuola da lei diretta ha istituito un concorso internazionale sulla personalità dello scrittore.

Dotto ed erudito l’intervento del vicesindaco ed assessore alla cultura, dott. Tanino Bonifacio: “Le pietre antiche, portatrici di morte ma anche simbolo della risurrezione, sono qui a ricordarci l’importanza della Bellezza”, ha detto, aggiungendo anche una bellissima citazione di Manlio Sgalambro sull’importanza dell’Arte.

La professoressa Angela Balistreri ha parlato del cuore della grande Sicilia, sottolineando a bellezza del paesaggio, variegato, e l’abbondanza della produzione di frutti. Incentrato sul rapporto, consolidato, cibo e letteratura l’intervento della professoressa Francesca Licata. “Meraviglioso e indicativo di magnificenza il bellissimo pranzo del Gattopardo, con fegatini di pollo e tartufo” ha ricordato, proprio nel palazzo tanto a caro a Tomasi.

Estremamente apprezzata anche l’esibizione delle sorelle Maria Concetta e Marta Maggio e del percussionista Giuseppe Giordano, che hanno dato vita ad una rivisitazione di “Stranizza d’amuri” di Franco Battiato, ospite d’onore l’8 Agosto nella terra del gattopardo, al culmine della settimana gattopardiana.

Ultimo, ma non ultimo, un bellissimo e divertentissimo dialogo sull’orgoglio e la vergogna di essere siciliani, mirabilmente interpretato dalle bravissime Vittoria Russo e Annalia Misuraca.

Una serata interessante, quindi, a ricordarci la bellezza della Sicilia, l’orgoglio dell’essere siciliani e la nostra indefessa voglia di esserci nel mondo, in tutti i campi. Terra di Sicilia, grazie.


                           
Articoli Correlati
Interessante Caffè letterario ieri sera a Santa Margherita di Belice. Il Team di “Sicilia my love”, nell’accogliente 2° cortile di palazzo.... 1“Il cibo e la cultura”: questo lo slogan scelto dal sindaco di Menfi Enzo Lotà e dall’Assessore alla cultura Valentina Barbera per il workshop.... Il complesso monumentale del palazzo del Gattopardo di Santa Margherita di Belice, con i suoi musei ed il Parco Letterario Giuseppe Tomasi di Lampedusa, che nel palazzo ha la.... Potenziata la segnaletica turistica a Santa Margherita di Belice. Raggiungere il cuore del paese del Cafè House, per i turisti che volessero visitare il centro belicino,.... Sicilia e Sicilitudine nel Terzo millennio.  Food is letterature: un ponte tra le culture. Questo il tema della conferenza che si terra oggi, alle 21,00 a Sciacca, presso....