Online il nuovo sito de "L'Araldo"
AMANTI DI CARTA
Le mani poetiche di Claudio Ardigò
AMANTI DI CARTA admin
admin - venerdì, 31 luglio, 2015
Visualizzazioni: 110
Apelibraria [60]

 

 CON LE MANI SPORCHE

Sono mie,

mani sporche di vita, 

affrontata

da affrontare

mani sporche

rovinate dall'indifferenza

mani sporche

che aggrovigliano l'anima

raccolta

in una preghiera

spezzata.

 



Essere poeta vuol dire saper fermare il tempo in un'immagine.

Vuol dire catturare un'emozione e tradurla in parole che siano in grado di riprodurla e trasmetterla.

L'arte poetica è la più spontanea espressione dell'anima, ed la più difficile, perchè lo sguardo poetico della realtà è dentro agli occhi e nel cuore, altrimenti è un vedere vuoto e noioso.

Amanti di carta (Gilgamesh Edizioni) è la prima raccolta di poesie di Claudio Ardigò.

La realtà che esplora Ardigò è fatta di una materia comune, la carta, e di molte materie sottili. Il sogno, che raccoglie il destino, un bacio mai dato, i pensieri, l'alba, i desideri.

Il cuore, che esplora il silenzio, il disordine, i profumi e poi il mare, la luna e la nebbia.

La rabbia, che l'autore definisce “uno dei nomi con cui chiamiamo la speranza”che racchiude le bufere dell'anima, la solitudine, il senso del vuoto e del nulla.

Il sangue, una pulsione fatta di orizzonti, di passioni violente e spezzate, di notte, paure e falò.

 

E poi è una realtà fatta di mani.


“Forse quando

mi vedrai

avrò gli occhi abbassati

così potrai leggere

nelle mie mani

l'anima”

 

Le mani di Claudio Ardigò, raccontano l'uomo nella sua essenza più terrestre e più alta, rappresentano l'anima nella sua espressione più profonda e vera. Sono sporche di vita ma danno la vita. Sono liquide, fragili, mute. Incontrano, plasmano e perdonano.

Sono l'espressione dell' energia del cuore, che scorre attraverso le braccia, per approdare alle dita, in cui si manifesta in tutta la sua pienezza.

 

Nel libro anche un autoritratto del poeta, in cui spiccano alcune parole che lo contraddistinguono:il silenzio, la commozione, il senso del ringraziamento.

 

Claudio Ardigò è critico letterario, ha condotto le presentazioni di molti autori italiani di spicco, ed è tra gli organizzatori della Fiera del libro di Cremona.

E' fortemente impegnato nel sociale. Ha fondato l'associazione “Cremona nel sociale Onlus” che si occupa di inserire persone diversamente abili e malati cronici nel sociale attraverso l'attività sportiva.

                           
Articoli Correlati
Egregio Direttore, sono una lettrice de L'Araldo. Buon anno a tutti anche se non vi conosco personalmente nè voi conoscete me.Avrei una richiesta da fare: non sarebbe.... Degustazioni, Mostre, Spettacoli e Osservazioni astronomiche  Tutto pronto per l’appuntamento più atteso dell’anno nella cittadina del vino e delle.... Si svolgerà questa sera, sabato 21 maggio, alle ore 21,30, in via Libertà a Santa Margherita di Belìce, il concerto dei “PARSIFAL” rinviato, a.... “Restauro Instauro”, questo il titolo del convegno organizzato da Gaspare Massimo Ventimiglia, che si terrà a Santa Margherita di Belice, sabato 21 marzo,.... Riunione di maggioranza, questa sera 3 dicembre, per la compagine politica che appoggia il sindaco Franco Valenti. All'ordine del giorno ci dovrebbero essere le determinazioni....