Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Il PRG di S. Margherita torna in Consiglio, soddisfatto l'ex sindaco Giorgio Mangiaracina
Il PRG di S. Margherita torna in Consiglio, soddisfatto l'ex sindaco Giorgio Mangiaracina
Il PRG di S. Margherita torna in Consiglio, soddisfatto l'ex sindaco Giorgio Mangiaracina admin
admin - venerdì, 5 dicembre, 2014
Visualizzazioni: 97
News [1239]

Ma chi è, in ultima analisi, il progettista del piano regolatore generale (PRG) del Comune di Santa Margherita di Belice? Nessuno dei consiglieri comunali che, il 28 novembre scorso, ha approvato la "presa d'atto" delle correzioni apportate al PRG si è posto la domanda. E così il passaggio (non obbligatorio) in consiglio comunale del PRG ha sancito la rilevanza politica, ancora oggi, dell'ex sindaco, oggi capogruppo di minoranza, Giorgio Mangiaracina. E' lui l'uomo chiave che, dopo la morte dell'arch. Andrea Tosi (originario progettista incaricato nel 1994 dal sindaco Antonino Russo), sbloccò l'impasse del PRG. Il sindaco Giorgio Mangiaracina "resuscita" il PRG, invita a presentare le opposizioni ed osservazioni, e trasmette il tutto all'esame dell'Assessorato regionale al territorio ed ambiente. Nel frattempo il PRG cambia testata e progettista. Nessuno se ne accorge. Nemmeno il Commissario ad acta nominato dall'Assessorato regionale. Dopo Mangiaracina arriva il sindaco Franco Santoro che, bisogna dargliene atto, fa di tutto pur di fare approvare il PRG, anche a costo di farselo massacrare senza battere ciglia. Al suo fianco c'era l'arch. Ignazio Abate. L'approvazione porta la data del 28 aprile 2010, cioè quattro anni e mezzo fa. Il decreto di approvazione prevede che, "nel più breve tempo possibile", si dovevano apportare le correzioni e le modifiche scaturite dalle osservazioni dei cittadini. Il "dettaglio" sfugge. I manifesti amministrativi inneggiavano alla "grande impresa": PRG approvato. Due righe di un cittadino, spensero l'euforia. C'era qualche adempimento ancora da compiere. A fine anno del 2010, cioè sette mese dopo l'approvazione, viene dato l'incarico "all'uomo del mistero" di completare l'incarico conferito, nel 1994, all'arch. Andrea Tosi. Da allora la nebbia è calata sul PRG del paese del Cafè House. In un incontro pubblico, nell'era Santoro-Abate, si arrivò perfino a sostenere che il Comune di Santa Margherita di Belice era l'unico paese italiano ad avere due, diconsi due, regolamenti edilizi comunale. Con tanto di inchino di alcuni liberi professionisti locali. La bufala si sciolse con il primo sole della stessa settimana. Adesso con il sindaco Franco Valenti (che ha tenuto per se la delega all'urbanistica), dopo oltre due anni dal suo insediamento è arrivato il "cartellino rosso" per il carneade Arch. Matteo Cattaneo ("socio" dell'affermato arch. Andrea Tosi, ancorchè neo laureato e iscrittosi all'albo professionale dopo la morte dell'arch. Tosi?). "Espulso" per non essere riuscito, dopo "soli" tre anni e mezzo, a mettere su carta le correzioni richieste dalla Regione. Il sindaco Franco Valenti a questo punto si è stufato e con propria determinazione nel luglio scorso ha tirato fuori il "cartellino rosso". "Le faccia l'ufficio tecnico comunale queste benedette correzioni", pare abbia tuonato il sindaco Valenti. E così è spuntato fuori che forse il progettista non era l'arch. Matteo Cattaneo ma un certo Ing. Antonio Norris. Si scopre pure qualche bisticcio negli indirizzi del progettista. Prima si preferiva andare in missione a Bergano, invece di usare la corrispondenza, ed il problema dell'indirizzo non si era mai posto. Passate le carta all'ufficio tecnico comunale, pare sia venuto fuori che anche questo indossasse le pantofole. A questo punto ecco il ritorno sulla scena di Giorgio Mangiaracina che da le direttive e le istruzioni. Il capo dell'ufficio tecnico approva i suggerimenti di Mangiaracina ed il PRG approda in consiglio comunale. Dove il "Re", pardon: presidente del consiglio comunale, Francesco Ciaccio, fans di Maurizio Ferrini, può gustarsi la soddisfazione di aver "preso atto" delle correzioni volute dalla Regione e "suggerite" dal capogruppo di minoranza Giorgio Mangiaracina. Approvazione all'unanimità, per il PRG. maggioranza in difficoltà un minuto dopo. Solo per far capire chi segna il passo amministrativo. Maggiori dettagli sul prossimo numero de L'Araldo.

                           
Articoli Correlati
Riceviamo e pubblichiamo Leggo sul sito de L'Araldo di un concorso a premi su chi indovina il nome del progettista del piano regolatore generale (PRG) di Santa Margherita di.... E’ stato chiarissimo Melchiorre Ferraro nel corso dell’ultima riunione svoltasi nella sede elettorale di Giorgio Mangiaracina: “ho dato la mia.... Con il nuovo PRG l'attività edilizia a S. Margherita di Belice è diventata come un terno al lotto. Non si ha certezza di nulla. L'assessore all'urbanistica aveva.... Il “parco tematico” di contrada Pianotta-Magaggiaro del Comune di Montevago non verrà soppresso dalle previsioni del piano regolatore generale. Lo ha deciso.... Non deve essere scaramantico Giorgio Mangiaracina. Per ufficializzare la sua candidatura a sindaco ha scelto un venerdì 17. Due giorni prima del pranzo di....