Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Massoneria. Solstizio d'estate della Gran Loggio d'Italia a Palermo. Intervista al Delegato Magistrale
Massoneria. Solstizio d'estate della Gran Loggio d'Italia a Palermo. Intervista al Delegato Magistrale
Massoneria. Solstizio d'estate della Gran Loggio d'Italia a Palermo. Intervista al Delegato Magistrale admin
admin - domenica, 13 luglio, 2014
Visualizzazioni: 154
News [1238]

di Joseph Cacioppo

La Massoneria cambia il suo vertice. Antonio Binni è il neo Gran Maestro della Gran Loggia d’Italia degli A:.L:.A:.M:.. I vertici sono cambiati anche in Sicilia. Delegato Magistrale (massima autorità regionale) per la Sicilia è Salvo Salemi. L’Araldo ha incontrato il Delegato Magistrale per la Sicilia per un colloquio.

Cosa è la Massoneria, può dare una definizione?

La definizione ufficiale  di Massoneria è “società iniziatica di carattere esoterico”. Quindi due sono gli aggettivi  che caratterizzano questa società: “iniziatica”, ovvero preparazione secondo riti che permettono all’adepto di passare dallo status  di profano a quello di Libero Muratore, ed “esoterica” dal greco eso (dentro) e teros (segreti destinati ad un numero eletto di discepoli).

Non è una società che si occupa di politica o di religione, ma una società di uomini impegnati nella ricerca di risposte alle classiche domande: chi sono? da dove vengo? perché sono? E nella ricerca dell’elemento “Primo” da cui tutto “è” e a cui tutto tende, nella ricerca, in altre parole, dell’Uomo.

Quali sono i concetti fondanti della Massoneria?

I concetti di Libertà, Uguaglianza e Fratellanza in questo lavoro, sono i ferri del mestiere nel loro più ampio significato e nel loro utilizzo.

I Liberi Muratori non sono atei e non sono rivoluzionari dei poteri costituiti, non hanno scopi economici, non producono beni materiali per trarne un profitto, la Massoneria produce materia umana arricchita di conoscenza.

Non c’è un Libero Muratore che può dare una definizione di Massoneria uguale a quella di un altro Fratello, perché ognuno trova in Massoneria la propria strada per raggiungere il proprio IN–timo spesso occultato da bisogni materiali, dagli slanci egoistici ed egocentrici.

Che ruolo hanno i simboli.

Il linguaggio simbolico unisce tutti i fratelli, è il solo linguaggio possibile perché universale in cui ciascuno si identifica, inoltre i simboli sono anche segni caratteristici della società. Squadra e compasso sono quelli più conosciuti nel mondo profano.

Apprendista, compagno, maestro, sono gradi di crescita nella maturazione della ricerca e nell’acquisizione della consapevolezza delle conquiste fatte.

Come e dove si possono conoscere i concetti della Massoneria.

Una ricchissima letteratura esiste sulla Massoneria, anche autori contemporanei ne parlano dal punto di vista storico, culturale e di contenuti. Uno di questi è Ernesto Laudicina, un nostro conterraneo, del quale i libri sono un ampio studio per chi vuole approfondire la propria conoscenza sulla Massoneria.

I media non sempre sono benevoli nei confronti della Massoneria.

Non bisogna tenere fede a concetti precostituiti, nati dall’ignoranza, che classificano la Massoneria come una società carbonara fatta di anti-Papa e anti–Stato, fatta di uomini che tramano intrighi di ogni genere.

La Massoneria non ha nulla a che dividere con la criminalità, con i fuori legge, anzi impone il rispetto delle leggi dello Stato ed invita ad essere uomini onesti e leali. Condizione indispensabile per entrare a far parte della Massoneria è l’essere di Buoni Costumi.

La Massoneria è una cosa che si vive, è un modo di essere dell’uomo che iniziato trova gli strumenti che gli sono necessari per la sua ricerca interiore, per scavare in se stesso modellandosi a quei principi universali di Amore e Bellezza, scavando fosse ai vizi  e portando alla luce quelle virtù che sono cardini e mezzi di espansione di quella scintilla divina che lo fa essere Uomo.

Non c’è pertanto un qualcosa che definisce la Massoneria o il Libero Muratore, ci sono solo tante indicazioni che definiscono una ricerca.

Il Gran Maestro della Gran Loggia d’Italia in una intervista a L’Espresso ha dichiarato di avere rimproverato un giovane fratello per aver pubblicato una sua foto su facebook. Per quali motivi il Gran Maestro è contrario ai social network?

Il nostro Gran Maestro, come ha dichiarato nella sua “Allocuzione” (discorso, ndr) del 29 marzo scorso, considera la rete – cito testualmente – una “opportunità”, solo, però, “quando rende l’avvicinamento fecondo sul piano dell’incontro e della solidarietà”, da condannarsi, invece, “quando tende alla manipolazione, al consumismo; alla diffusione aggressiva di immagini che turbano e rendono impotenti”.

Dunque, da parte del nostro Gran Maestro, non esiste, in verità, alcuna contrarietà nei confronti dei social network, anzi, riconosce che le nuove tecnologie hanno creato un “nuovo spazio sociale, un’agorà in grado di incidere sul reale, non solo culturale, ma pure politico”.

Ciò che è stato censurato dal Gran Maestro è soltanto l’uso distorto che, invero, troppo spesso, è fatto di questi strumenti.

La censura è stata elevata per avere il Fratello pubblicato una foto che offendeva profondamente l’immagine della Massoneria, perché ne dava una “immagine fuorviante e decettiva”.

Quali sono i motivi per cui dei giovani della Valle del Belice dovrebbero avvicinarsi alla Massoneria?

Come detto la Massoneria non si occupa di politica, non essendo un partito politico non abbiamo bisogno di tesserati per fare numeri, non essendo una religione non si deve fare opera di conversione ne portare pecorelle smarrite all’ovile.

La Massoneria è qualcosa di ben diverso. Con la Massoneria l’uomo lavora per ritrovare se stesso e vivere secondo principi che riguardano la lealtà, l’onestà, l’uguaglianza, la fratellanza, il senso dell’onore, il piacere del bene e del bello, il rispetto delle istituzioni, il valore della legalità.

In un momento di totale carenza di valori, un giovane spesso si trova a disagio, non trova nel mondo esterno stimoli positivi, non trova nella società spinte ideologiche verso il bene. E’ naturale che ricerchi qualcosa che gli dia cognizione del giusto valore dell’uomo e la Massoneria può essere una scelta, in quanto il nostro obbiettivo è quello di dare valore alla vera natura umana, non quella fisica, biologica, materiale, quella fatta di beni materiali, desiderio di potere, amore per la ricchezza.

La vera natura umana, invero quell’IN-timo di derivazione divina che è da portare al divino per dare il giusto valore all’Uomo.

Cioè?

Oggi in una società in cui siamo tutti schiavi del materiale, dei beni di consumo, degli ingranaggi di un sistema che non ci rende certo felici e che ci propina continue notizie di corruzione, di intrallazzi, speculazioni, etc. in cui sembra si sia persa la vera natura umana, l’essenza dell’essere uomo. La Massoneria può essere mezzo per ri-nascere secondo vera natura, un mezzo educativo per condurre sulla strada della lealtà e della correttezza. Chi vuole affrontare e approfondire le domande: chi sono, perché sono ed il senso di esserci, in Massoneria può trovare le risposte che cerca.

 

                           
Articoli Correlati
La massoneria compie 300 anni. Almeno quella “speculativa” o moderna. Ed è un susseguirsi di iniziative. Il Grande Oriente d’Italia, Palazzo....   di Joseph Cacioppo   Aumentate le Comunità massoniche a Santa Margherita di Belice? Il “dubbio” è legittimato (per pervenire alla....   Al Gran Maestro Stefano Bisi   (Grande Oriente d’Italia)   Al Gran Maestro Antonio Binni   (Gran Loggia d’Italia)   Al Gran.... Montevago anticipa i tempi. Non vuole arrivare impreparata alla scadenza del 3 dicembre. Data ultima entro cui gli amministratori locali e regionali devono dichiarare la loro....   di Joseph Cacioppo   A Santa Margherita di Belice, “capitale” della Massoneria belicina, potrebbe cadere il velo sugli amministratori comunali che....