Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Menfi, va in scena la commedia sul Piano Paesaggisto. Da Tomasi di Lampedusa a Kafka, passando per Pirandello.
Menfi, va in scena la commedia sul Piano Paesaggisto. Da Tomasi di Lampedusa a Kafka, passando per Pirandello.
Menfi, va in scena la commedia sul Piano Paesaggisto. Da Tomasi di Lampedusa a Kafka, passando per Pirandello. admin
admin - sabato, 7 giugno, 2014
Visualizzazioni: 79
News [1260]

di Joseph Cacioppo

E' interessante il dibattito in corso a Menfi sul Piano Paesaggistico. Interessante per tanti aspetti. Primo fra tutti quello di avere coinvolto (almeno sulla carta) tantissimi tecnici libero professionisti e la politica. Il via al valzer gattopardiano lo ha dato il sindaco Vincenzo Lotà. "Si coinvolgano i tecnici locali ed i cittadini - spiegò Lotà ai microfoni di TRS -. Si costituiscano dei gruppi di lavoro e facciano una ricognizione delle incongruenze tra lo stato dei luoghi e le carte approntate dalla Soprintendenza. Che poi saranno valutate dagli uffici comunali." Già il proclama era tutto un programma: ai tecnici del luogo il lavoro di rilevatore, agli uffici (cioè al capo dell'Amministrazione comunale) le decisioni finali. E fin qua, sono le regole del gioco. "Cu è fissa sta a la casa" si usa dire dalle nostre parti. Nel proclama e nel dibattito che ne è seguito, che il bravo giornalista Francesco Graffeo ha puntualmente riportato, è assente un fatto di notevole importanza: nel 2011 gli uffici comunali si sono già espressi sul Piano Paesaggistico. Ma non solo si sono espressi gli uffici comunali ma si è pronunciato anche il consiglio comunale. Se gli uni e/o gli altri avevano qualcosa da dire, perché non la hanno detta per tempo?

Il consiglio comunale, oggi, dovrebbe smentire se stesso per quello che ha deliberato o non ha deliberato tre anni fa? E chi ne ha le capacità politiche? Infatti una parte del consiglio comunale si è limitato a proporre un "atto di indirizzo" al sindaco: ricorri al TAR. Per dire cosa al TAR, che tre anni prima il consiglio comunale non si è accorto delle sviste che oggi fanno scandalo? Se così stanno le cose, allora perchè non è lo stesso consiglio comunale a pronunciarsi in prima persona invece di suggerire "vai avanti tu ... che a me scappa da ridere". Ed infatti il consiglio comunale, in questo valzer che va scivolando sempre più sulle note pirandelliane, non ha fatto altro che lavarsi le mani: rinviamo la discussione a dopo. Pur sapendo delle imminenti scadenze burocratiche. E giù la polemica nella polemica. Il richiamo alla "forza bruta dei numeri"  (Gaspare Viola docet), facendo finta di dimenticare che la democrazia si basa proprio sul concetto di maggioranza e di minoranza, i primi decidono gli altri protestano. In questo valzer dell'apparire più che dell'esserci, si è smarrito per strada il contributo dei tecnici liberi professionisti locali. "Precettati" dal sindaco Lotà e coreografia nelle riunioni sul piano paesaggistico, si hanno poche notizie se si sono attivati, personalmente o quali consulenti, per presentare entro i termini le osservazioni avverso le discrepanze lamentate. Ma queste - osserverà qualcuno - sanno di note kafkiane. Negli altri Comuni delle Terre Sicane, non c'è nemmeno questa parvenza di dibattito. Purtroppo è la cruda realtà, bellezza.

                           
Articoli Correlati
Iniziata la tournee teatrale estiva della compagnia Burgio Millusio di Menfi. Il debutto a Realmonte, sul palcoscenico del teatro Costabianca, nell’incantevole scenario.... Dopo il Premio Letterario continuano, a Santa Margherita di Belìce, le manifestazioni dedicate a Giuseppe Tomasi di Lampedusa e al celebre romanzo “Il.... Interessante Caffè letterario ieri sera a Santa Margherita di Belice. Il Team di “Sicilia my love”, nell’accogliente 2° cortile di palazzo.... La compagnia teatrale Burgio Millusio, di Menfi, ha portato in scena, a Montevago, la commedia in due atti “I figghi di nuddu”. Un folto pubblico ha gremito gli.... Omaggio alla terra del Gattopardo e a Giuseppe Tomasi di Lampedusa, a Verona, in occasione della settimana di Vinitaly 2014. La Cantina Corbera ha intersecato cultura, storia,....