Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Per un pugno di dollari si arena il piano regolatore di S. Margherita. E Pirandello se la ride
Per un pugno di dollari si arena il piano regolatore di S. Margherita. E Pirandello se la ride
Per un pugno di dollari si arena il piano regolatore di S. Margherita. E Pirandello se la ride admin
admin - sabato, 29 marzo, 2014
Visualizzazioni: 86
News [1240]

Bloccato per un pugno di dollari il piano regolatore generale (PRG) di Santa Margherita di Belice. Materia per Luigi Pirandello se i fatti non si verificassero a cento anni di distanza dalla pubblicazione de "La giara" (1909).

Il PRG è un importante strumento urbanistico per una comunità. Eppure nel paese del Cafè House, a distanza di quattro anni dalla sua approvazione (28.04.2010), nessuno è in grado di prendere visione della sua stesura definitiva.

L'iter parte per iniziativa del sindaco Nino Russo con assessore Ignazio Abate nei primi anni novanta.

Dopo quasi due decenni arriva l'approvazione, con prescrizioni, da parte della Regione. E l'invito a redigere un testo coordinato e definitivo che tenga conto delle correzioni. Siamo nell'aprile 2010. Da allora sul PRG è calato un silenzio tombale. Eppure c'è in gioco una parcella da duecentomila euro.

Succede qualcosa di strano. Qualcuno adotta il gioco delle tre carte. Ma del testo definitivo non si vede nemmeno l'ombra. L'Araldo sollecita. Ma tutti fanno orecchie da mercante. Non ne fa cenno il portavoce del sindaco e nemmeno i volontari portavoce dei vari assessori. Il silenzio è d'oro, si usa dire in Sicilia. Meglio parlare di passerelle e del sesso degli angeli.

Adesso arriva una novità. Sul sito istituzionale viene pubblicata una diffida al progettista: consegna il lavoro entro sette giorni oppure ....

Della diffida se ne era parlato a metta gennaio. Quindi i sette giorni sono passati da un pezzo. Eppure nessuno parla se ci sia qualche novità. Il testo della diffida rimanda a "La giara" di Pirandello. Ricordate? Il conciabrocche Zi' Dima Licasi fù chiamato per riparare la giara di Don Lollo Zirafa. Per un disguido Zi' Dima restò imprigionato dentro la giara riparata. Don Lollo voleva dei soldi per rompere la giara e fare uscire Zi' Dima. Zi' Dima non voleva pagare.

Un analogo aneddoto locale è noto ai meno giovani. Un mastro muratore era rimasto chiuso dentro il forno che aveva costruito (in effetti stava su solo perché sostenuto dalle spalle del muratore) e chiedeva al proprietario: o mi paghi subito oppure esco e faccio cadere il forno.

La stessa cosa sta succedendo per il PRG di S. Margherita. I progettisti (o il progettista?) vogliono essere pagati prima di consegnare il lavoro. L'assessore all'urbanistica di S. Margherita di Belice, invece di chiedere i danni per il ritardo, vuole pagare solo dopo la consegna del lavoro. Ed in questo cazzeggiare il diritto urbanistico si trasforma in aria fritta. Forse aspettando che Don Lollo dia un calcio alla giara.

Nel nostro piccolo chiediamo un piccolo favore al sindaco: se ha a cuore il suo paese sostituisca l'assessore all'urbanistica. 

                           
Articoli Correlati
Riceviamo e pubblichiamo Leggo sul sito de L'Araldo di un concorso a premi su chi indovina il nome del progettista del piano regolatore generale (PRG) di Santa Margherita di.... L’Araldo bandisce un concorso a premi sul piano regolatore generale (PRG) dei “misteri”. La domanda è semplice: chi ha redatto il PRG di Santa.... Avviato a Montevago l'iter per la revisione del piano regolatore generale (PRG). Il civico consesso è stato chiamato, nella seduta del 16 aprile, a pronunciarsi sulle.... Dopo 4 anni e mezzo il Piano Regolatore Generale (PRG) potrebbe tornare in consiglio comunale per mettere il "coperchio" a qualche "papocchio". Sicuramente sarà chiesto.... di Laura Bonelli Quando si pensa allo yoga vengono alla mente immagini contemplative, legate all’ India antica, alla saggezza millenaria tramandata da guru,  ad....