Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Successo di pubblico e di critica per il “The Beatles Show”
Successo di pubblico e di critica per il “The Beatles Show”
admin
admin - domenica, 19 gennaio, 2014
Visualizzazioni: 140
News [1238]

di Rosy Abruzzo

Grande successo di pubblico e di critica per il “The Beatles Show”, il live concert dei Beatbox che si è tenuto a Castelvetrano, presso il Teatro Selinus di piazza Garibaldi, venerdì 17 gennaio. Molto più che un semplice tributo ai Beatles, la performance dei Beatbox ha fatto rivivere l’energia e il fascino del mitico quartetto di Liverpool. Per ottenere il risultato desiderato nulla è stato lasciato al caso: dalla strumentazione, identica a quella usata dai Beatles nei loro storici concerti, ai vestiti, confezionati su misura dalla stessa sartoria che li creò per la tournée americana dei Fab Four.

Il tour siciliano della band genovese farà, inoltre, ha fatto tappa il 18 gennaio al Ma MusicAction di Catania ed oggi, 19 gennaio, è al Teatro Golden di Palermo.

A dare vita a questo progetto, quattro musicisti dal curriculum più che nobile: Alfio Vitanza, Mauro Sposito, Riccardo Bagnoli e Guido Cinelli vantano collaborazioni con i grandi nomi del pop italiano (Latte e Miele, Antonello Venditti, Anna Oxa, Eugenio Finardi, New Trolls, Dario Baldan Bembo e molti altri). Uno show che ha attraversato i ricordi e le scoperte di più generazioni, con esecuzioni fedelissime a quelle originali, per riscoprire l’entusiasmo e la positività dei mitici anni ’60.

La scaletta è stta quella che i Beatles proponevano al top della loro carriera concertistica, prima di interromperla per dedicarsi alla sperimentazione in sala di incisone, e i Beatbox l'hanno riproposto fedelmente, con una accuratezza esecutiva assoluta, restituendo all’ascoltatore l’impatto sonoro e soprattutto vocale del leggendario quartetto.

Un concerto che si è prestato alle più diverse collocazioni, oltre a quella istituzionale. Feste, conventions, locali, piazze e quant’altro raduni un pubblico come quello che ama i Beatles, che continuano a conquistare non solo le generazioni “over 30”, ma anche folte schiere di giovanissimi che hanno mandato ai primi posti della classifica l’ultimo cofanetto dei loro successi.

Musica senza età per chi ama un genere che non ha seguito la moda: l’ha inventata, mettendosi all’origine di tutto.

Ed oggi l’esperienza professionale e l’entusiasmo dei Beatbox restituiscono al pubblico quelle indimenticabili emozioni, per un’ora e mezza di concerto sempre al top.

“Help”, “A hard day’s night”, “She loves you”, “Twist and shout”, per citare alcuni dei brani della performance, sono pagine d’album e pietre miliari della musica moderna. Riascoltarle dal vivo è un’ emozione irrinunciabile.

                           
Articoli Correlati
E' costata meno di duemila euro la 3° edizione di "Uomini e cose del mondo della cultura, scienza, solidarietà ed arte nelle Terre Sicane", organizzata.... di Margherita Ingoglia Per una giovane che si affaccia al mondo della scrittura, la partecipazione ad un festival come il "Letterando in Fest" è certamente una.... In occasione dei festeggiamenti in onore di Sant’Antonio di Padova, Patrono di Menfi,  la giovane cantante menfitana Linda Napoli si esibirà questa.... di Laura Bonelli Gli anni '60 furono un periodo di grande creatività e liberazione e la musica fu uno dei primi terreni in cui attecchì questa.... L’Associazione “Ricami dell’Arte” ha concluso la sua prima esperienza espositiva! Due settimane intense, durante le quali tutte le associate si sono....