Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Il metodo Boffo e la secessione dell'Aventino per Gaspare Viola
Il metodo Boffo e la secessione dell'Aventino per Gaspare Viola
  Il metodo Boffo e la secessione dell'Aventino per Gaspare Viola admin
admin - martedì, 24 dicembre, 2013
Visualizzazioni: 104
News [1238]

"Ebbene, dichiaro qui, al cospetto di questa Assemblea e al cospetto di tutto il popolo italiano, che io assumo, io solo, la responsabilità politica, morale, storica di tutto quanto è avvenuto.....", questo il discorso di Mussolini tenuto alla camera dopo il sequestro e l’uccisione di Giacomo Matteotti.

Chissà perché mi è tornato alla mente questo episodio leggendo sul sito de L’Araldo l’articolo sul dibattito avviato dal giornalista Franco Graffeo su Gaspare Viola.

Quante analogie, ho pensato, ci riserva la storia. Con le dovute proporzioni naturalmente.

Dopo due anni dalla presa del potere da parte di Mussolini, la situazione politica italiana si presentava analoga a quella che vive oggi Santa Margherita di Belice.

Nel dicembre 1922 fu istituito il “Gran Consiglio del fascismo”, un organo consultivo il cui compito consisteva nel determinare e indicare le linee guida della politica governativa.

Nel paese del Gattopardo, stando alle cronache – tra il serio ed lo scherzo – che si leggono su L’Araldo, pare sia stato istituito una sorta di gotha che scavalca le riunioni di maggioranza e lo stesso consiglio comunale. Come pare abbia denunciato lo stesso Gaspare Viola in qualità di consigliere comunale di maggioranza.

Nel 1923, fu organizzata la “Milizia volontaria per la sicurezza nazionale” nella quale vennero inquadrati molti degli appartenenti alle squadre governative

Anche nel paese del Cafè House pare sia stata istituita una sorta di “milizia”, affidata ad un esperto di “sicurezza”, con licenza di applicare il “metodo Boffo” nei confronti di chi “osa” discostarsi dalla linea politica tracciata dal gotha politico.

La più recente vittima pare essere il consigliere comunale di maggioranza Gaspare Viola, reo - secondo la “milizia” - di aver insinuato sospetti sull’affidamento del servizio di spazzatura del piccolo centro belicino.

Il 10 giugno 1924 di Gaspare Viola sembra così assumere la forma di un intervento sulla pagina facebook del giornalista filo governativo Franco Graffeo.

Franco Graffeo (che secondo voci di corridoio dovrebbe assumere l’incarico professionale della sicurezza per i lavori di sistemazione del terzo cortile di Palazzo Filangeri – Cutò) non riveste alcuna carica politica in seno alla compagine amministrativa. Eppure l’attacco al consigliere di maggioranza Gaspare Viola è diretto. Senza che nessuno – contrariamente a quanto fece Mussolini – si assuma la paternità dell’attacco politico a Gaspare Viola. E senza che nessuno esprima solidarietà al farmacista per le sue posizioni espresse nel corso del consiglio comunale del 18 dicembre scorso.

Posizioni che hanno animato il dibattito politico consiliare e che hanno comportato il rinvio dell’esame della proposta di assegnare all’Unione dei Comuni “Terre Sicane” la gestione del servizio di spazzatura del Comune di Santa Margherita di Belice. Con la possibilità, a sua volta, concessa all’Unione dei Comuni di appaltare la gestione del servizio ad una nuova società tipo Sogeir.

Uno schiaffo politico per la Giunta di Franco Valenti. Da lì a poco è arrivato l’intervento di Franco Graffeo sulla sua pagina facebook. “Metodo Boffo” in salsa margheritese?

Il 30 maggio 1924 il deputato socialista Giacomo Matteotti pronunciò alla Camera un duro discorso contro il governo. Qualche giorno dopo, il 10 giugno 1924, l’onorevole Matteotti fu picchiato e rapito dai fascisti all’uscita della sua abitazione di Roma e poi ucciso.

Dopo l’assassinio di Matteotti i deputati dell’opposizione decisero di non partecipare più ai lavori del Parlamento (la cosiddetta “secessione dell’Aventino”), ma questa radicale protesta non scalfì il consolidamento del potere del fascismo. E sappiamo come è andata a finire.

Per questo preoccupa il silenzio assordante, dei politici e degli intellettuali margheritesi, sull’intervento di Franco Graffeo su Gaspare Viola.

                           
Articoli Correlati
Riceviamo e pubblichiamo Caro Direttore, ho letto il pezzo sulla nomina di Gaspare Fasullo a direttore scientifico dell'Istituzione "G. Tomasi di Lampedusa". Premetto che.... Ha dovuto aspetta un anno dietro la porta Gaspare Viola, consigliere comunale di Santa Margherita di Belice, prima che il suo "silenzio" venisse ricompensato. Tanto è.... Alla fine il servizio di raccolta e conferimento dei rifiuti solidi urbani verrà gestito dal Comune di Santa Margherita di Belice e non più da una nuova Sogeir..... Quello che riportiamo testualmente è il commento (una sorta di editoriale?) del giornalista Franco Graffeo - molto vicino all’amministrazione comunale guidata da.... Riceviamo e pubblichiamo Egregio direttore, in considerazione dell’avvicinarsi delle prossime consultazioni comunali, visto il degrado in cui è caduto il paese di....