Online il nuovo sito de "L'Araldo"
S. Margherita: manca la trasparenza amministrativa ed il sindaco l'attribuisce al consiglio comunale
S. Margherita: manca la trasparenza amministrativa ed il sindaco l'attribuisce al consiglio comunale
S. Margherita: manca la trasparenza amministrativa ed il sindaco l'attribuisce al consiglio comunale admin
admin - martedì, 17 settembre, 2013
Visualizzazioni: 71
News [1238]

Il sindaco di Santa Margherita di Belice Franco Valenti bacchetta il consiglio comunale e nessuno dei consiglieri batte ciglia. Zitti e in riga. Alla faccia della separazione dei ruoli: esecutivo della giunta e di controllo del consiglio comunale. Il tutto nero su bianco, naturalmente. Teatro delle “bacchettate” il consiglio comunale del tre luglio scorso (delibera n. 29). All’ordine del giorno c’è una interrogazione che riguarda la trasparenza amministrativa. Il consigliere Tony Rosalia chiede di sapere perché gli uffici comunali non predispongono la “tabellina” con i tempi previsti per la conclusione delle pratiche dei cittadini. In mancanza di tempi certi, stabiliti e resi pubblici, come fa il cittadino a sapere se l’impiegato sta perdendo troppo tempo a definire la sua pratica? A partire da quale data può rivolgersi al Responsabile Antiritardo? Da quale momento può chiedere il risarcimento dei danni per colpevole ritardo?

Il sindaco di Santa Margherita di Belice prende carta e penna e, il 26 aprile, sentenzia che i tempi, entro cui il dipendente comunale deve emettere il provvedimento richiesto dal cittadino, devono essere stabiliti dal consiglio comunale.

La stoccata non viene nemmeno percepita. Se la competenza è del consiglio comunale e non dei dirigenti, come mai il civico consesso del paese del Cafè House da un anno e mezzo (per riferirci soltanto all’attuale amministrazione attiva) non ha fatto nulla? Segno che questo consiglio comunale è contro la trasparenza amministrativa?

Il sindaco di Santa Margherita di Belice precisa anche che una “tabellina” con i singoli procedimenti amministrativi ed i tempi massimi fissati per la loro definizione risale al 1994, anche se deve essere aggiornata.

Resta il fatto che nemmeno la “tabellina” del 1994 viene pubblicata sul sito istituzionale del Comune. I cittadini non vengono messi a conoscenza del tempo entro cui deve essere evasa una loro richiesta. Il Responsabile Antiritardo resta inoccupato. Ed i dirigenti si possono prendere tutto il tempo che vogliono per definire una pratica. Con grave danno per i diritti dei cittadini.

Il sindaco scarica sul consiglio comunale l’inadempimento degli obblighi imposti dalla legge, i consiglieri distratti lasciano correre come se la questioni non li riguardasse, la “tabellina” del 1994 resta ferma nel cassetto di qualche dirigente, e tutti vissero felici e contenti.

Almeno in questo caso il programma elettorale è rispettato: nulla dice sulla trasparenza amministrativa e nulla viene fatto.

                           
Articoli Correlati
di Mariano Pace Dopo quella di Giuseppe Labita e del sindaco uscente Leonardo Salvaggio si registra a Poggioreale la terza candidatura a sindaco per le prossime elezioni.... Il Comune di Santa Margherita di Belice si va adeguando alle regole previste per la trasparenza amministrativa. Sul sito istituzionale è comparsa la famosa "tabellina".... Manca il personale e le pratiche edilizie in sanatoria restano bloccate negli archivi. Succede a Menfi. Il personale dell’ufficio tecnico va in pensione e non viene.... di Francesco Graffeo Le convocazioni consiliari e gli atti della pubblica amministrazione, come le delibere della giunta comunale e del consiglio, gli avvisi delle.... E' un ringraziamento implicito quello che il capo dell'Ufficio tecnico del Comune di Santa Margherita di Belice, l'ing. Aurelio Lovoy, ha indirizzato al consigliere comunale....