Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Trasparenza negata per i cittadini della Valle del Belice
Trasparenza negata per i cittadini della Valle del Belice
Trasparenza negata per i cittadini della Valle del Belice admin
admin - sabato, 27 aprile, 2013
Visualizzazioni: 76
News [1238]

A Giuseppe Mazzini la storia attribuisce un ruolo importante nel Risorgimento italiano.

Il suo merito fù quello di concepire e divulgare l’idea di un’Italia unita e libera. La sua azione, però, si scontrò con l’analfabetismo quasi diffuso delle popolazioni.

I sovrani dei tanti Stati presenti in Italia, e di quelli europei, ostacolarono con la censura l’azione di Mazzini che puntava a far conoscere alla popolazione i propri diritti, di italiani e di libertà. A distanza di 150 anni, le cose sono cambiate. Quasi tutti sanno leggere e scrivere. La censura ai giornali è quasi scomparsa.

Quella che fatica a scomparire è una sorta di censura velata. O meglio, quella che stenta a decollare è la cosiddetta “trasparenza amministrativa”.

Già nel 1990 il legislatore italiano ha previsto che al cittadino, che avesse richiesto un qualcosa alla pubblica amministrazione,  dovessero essere comunicati il nome del funzionario responsabile ed il tempo previsto per riscontrare la sua richiesta.

Ma qualcosa non deve essere andato per il verso giusto, visto che, tranne poche eccezioni, la legge è rimasta sulla gazzetta ufficiale. Dopo vent’anni il legislatore ha preso atto la legge non veniva applicata e ciò comportava delle disfunzioni nel rapporto tra pubblica amministrazione e cittadini. Così è corso ai ripari ed ha previsto che la pubblica amministrazione divenisse una casa di vetro.

Il progresso tecnologico ha dato una mano, internet ha fornito le “lastre di vetro” per le pareti.

Tutto ciò che riguarda l’attività delle amministrazioni - ha disposto il legislatore - deve essere pubblicato sul sito dell’ente: delibere, regolamenti, statuti, strumenti urbanistici, modulistica, organigramma del personale. Per porre fine ai tanti ritardi amministrativi, poi, ha previsto il responsabile antiritardo ed il responsabile anticorruzione.

Il responsabile antiritardo, che negli enti locali viene individuato nel segretario comunale, ha assunto quindi il potere di sostituzione del dirigente inadempiente.

La norma prevede anche che in caso di ritardo al dirigente viene intaccata l’indennità di risultato. Cioè, il legislatore prova ad annullare i ritardi della pubblica amministrazione mettendo le mani nelle tasche dei dirigenti.

Ma come hanno reagito i Comuni della Valle del Belìce?

Comune di Contessa Entellina

Il sito del Comune non pubblica nè gli strumenti urbanistici e nemmeno i tempi entro cui concludere i procedimenti.

Comune di Menfi

Il sito del Comune pubblica il “Regolamento in materia di procedimenti amministrativi” ed il “Regolamento edilizio”. Ma non gli strumenti urbanistici e nemmeno la tempistica entro cui si devono concludere i procedimenti.

Comune di Montevago

Il Comune pubblica il “Regolamento in materia di procedimenti amministrativi” ed ha un servizio dedicato ai professionisti che operano sul territorio.

Mancano gli strumenti urbanistici e la tempistica sulla conclusione dei procedimenti.

Comune di Poggioreale

Il Comune non ha ancora recepito le nuove direttive sulla trasparenza.

Comune di Salaparuta

Il Comune non ha ancora recepito le nuove direttive sulla trasparenza.

Comune di S. Margherita

Sul sito istituzionale non vi è traccia degli strumenti urbanistici. C’è una apposita sezione per i tempi dei procedimenti: ma è ancora vuota.

Comune di Sambuca

Il sito consente di accedere in maniera agevole a tutti gli elaborati degli strumenti urbanistici, tramite la sezione “Ufficio Tecnico”. La sesione “Operazione Trasparenza” riporta le norme di settore ma non i tempi di conclusione dei procedimenti.

Se questo è lo stato dell’arte, viene spontanea la domanda: come fa il cittadino ed il Responsabile antiritardo a sapere quando può e deve segnalare il ritardo?

O più in generali: perchè i sindaci, come i sovrani pre-unità, non vogliono far conoscere ai cittadini i propri diritti?

                           
Articoli Correlati
La giunta regionale di Rosario Crocetta ha deliberato la costituzione di una Commissione per la Valle del Belice. Nella sezione Territorio&Burocrazia il testo integrale.... Alla fine la Valle del Belice, con la sua storia, cultura e territorio, dovrà inchinarsi al business del petrolio? L’interrogativo è d’obbligo, visto.... Il sindaco di Santa Margherita di Belice Franco Valenti bacchetta il consiglio comunale e nessuno dei consiglieri batte ciglia. Zitti e in riga. Alla faccia della separazione.... Il Comune di Santa Margherita di Belice si va adeguando alle regole previste per la trasparenza amministrativa. Sul sito istituzionale è comparsa la famosa "tabellina".... La  Massoneria apre le porte dei suoi Templi ai “profani”. Succede a Campobello di Mazara, in provincia di Trapani. Quella provincia spesso accusata di....