Online il nuovo sito de "L'Araldo"
8 giugno ore 20,38, trema la terra nella Valle del Belìce
8 giugno ore 20,38, trema la terra nella Valle del Belìce
8 giugno ore 20,38, trema la terra nella Valle del Belìce admin
admin - venerdì, 8 giugno, 2012
Visualizzazioni: 507
News [1383]

Erano da poco passate le ore 20,30 quando un boato ha anticipato di qualche istante il tremolio delle case a Santa Margherita di Belice. Il boato è stato percepito da tanti. La terra ha tremato. I fabbricati hanno oscillato (i vetri e l'argenteria nelle credenze hanno fatto sentire il loro inequivocabile suono). La gente è uscita fuori dalle proprie abitazioni cercando di capire a cosa fosse riconducibile quel boato. L'assenza di qualsiasi tipo di sirena ha fatto scartare l'ipotesi di uno scoppio. Il pensiero è subito corso alla scossa di terremoto. Il sito ufficiale dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), fino alla data in cui scriviamo, non riporta nessuna notizia in merito. Su internet si rincorrono le notizie. In un primo momento si collocava l'epicentro a Castelvetrano. Una breve verifica ha consentire di accertare che, erroneamente, veniva ripresa una notizia del 2011, stesso territorio, stessa magnitudo: 2.3.

L'agenzia di stampa, Adnkronos, alle ore 21,32 ha diffuso la seguente nota: "Terremoti: lieve scossa tra province Agrigento, Trapani e Palermo - Roma, 8 giugno - Una lieve scossa di terremoto e' stata avvertita dalla popolazione tra le province di Agrigento, Trapani e Palermo. Le località prossime all'epicentro sono i comuni di Santa Margherita di Belice, Montevago e Poggioreale. Secondo i rilievi registrati dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l'evento sismico e' stato registrato alle ore 20,38 con magnitudo 2.3. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose".

Intanto tante gente si è riversata nelle strade. Il sindaco di Santa Margherita di Belice, Franco Valenti, ha istituito un'unità di crisi: carabinieri, vigili del fuoco ed ufficio tecnico.

Brutta notte quella che attende i margheritesi e gli abitanti della Valle del Belice. Le ferite del gennaio 1968 bruciano ancora. E la paura non ha abbandonato del tutto chi ha vissuto, direttamente o indirettamente, quella tragedia di 44 anni fa.

                           
Articoli Correlati
La giunta regionale di Rosario Crocetta ha deliberato la costituzione di una Commissione per la Valle del Belice. Nella sezione Territorio&Burocrazia il testo integrale.... Asilo politico: il Belìce accoglie? Questo il tema dell'incontro promosso dal Lions Club Sambuca Belice per il 15 giugno, ore 16,30 presso il teatro L'Idea di Sambuca di.... Prende il via, a Menfi, Inycon 2014, la tre giorni di festa (dal 20 al 22 giugno) per celebrare la tradizione millenaria del vino legata al territorio tra degustazioni sotto le.... Mercoledì 18 giugno si è riunita a Santa Margherita di Belìce l'assemblea dei simpatizzanti Partito Democratico, alla presenza del segretario provinciale.... Il 2 giugno, in occasione della Festa della Repubblica Italiana, l’Istituzione Giuseppe Tomasi di Lampedusa e il Comune di Santa Margherita di Belìce, in....