Online il nuovo sito de "L'Araldo"
L'abdicazione della borghesia margheritese
L'abdicazione della borghesia margheritese
L'abdicazione della borghesia margheritese admin
admin - giovedì, 1 marzo, 2012
Visualizzazioni: 99
News [1238]

Dove è andata a finire la borghesia margheritese? Che fine ha fatto? Dopo i Gattopardi la borghesia ha rinunciato al suo ruolo. Ha rinunciato ad essere parte propulsiva della vita culturale. L’Araldo degli anni ‘60 è stato una fucina di idee, di iniziative. La borghesia intellettuale ne aveva fatto uno strumento per recuperare la storia, per fissare nel tempo gli eventi, per rivalutare le tradizioni.

La tradizione teatrale ha radici antiche a Santa Margherita di Belìce. La “passeggiata”, la villa comunale, era luogo di ritrovo. “Lu chianu di lu pupu”, unitamente ai circoli Garibaldi e degli Operai, erano visti come momento aggregativo. Oggi si gioca al massacro sulla ricostruzione dei locali dei circoli. Nessuno spende una parola in loro difesa.

Sono scomparsi gli alberi in piazza Matteotti. Nessuno ha alzato il dito per dire che, d’estate, la piazza rischia di essere deserta per mancanza di zone d’ombra. Malgrado le esternazioni di don Fabrizio al piemontese Chevalley. Le ville sono spesso chiuse. Le manifestazioni culturali e  teatrali, sono demandate alla civica amministrazione. La Pro-loco e le varie associazioni culturali non muovono un dito se l’Amministrazione comunale non apre i cordoni della borsa. La borghesia politica ha gestito il dopo guerra, il boom economico, l’assetto del territorio, l’emergenza del terremoto del ‘68. Grandi borghesi, da Traina a Montalbano, da Gaetano Gulotta ad Andrea Perricone e Pietro Giacone, hanno cercato di mantenere il timone. Ma poi è iniziato il lento declino. La borghesia si è rinchiusa su se stessa. Ha disertato dal suo ruolo. Il venir meno delle classi non è stato visto come una conquista sociale, bensì come una occasione di rivalsa. E’ venuto meno il rispetto delle regole. Si è perso di vista l’interesse collettivo. Si è puntato sul tutto e subito. Ed ora siamo sul baratro.

                           
Articoli Correlati
Che fine ha fatto la borghesia a Santa Margherita di Belice? Nell’ultima competizione elettorale sembra quasi sparita dal dibattito politico. La borghesia, intesa.... l grande religioso di origini margheritese, padre Pellegrino Catalano, è sconosciuto ai più. Nella sezione "Info per il turista" è tracciato un suo.... Quale futuro amministrativo per Santa Margherita di Belice? Tutti, a parole, abbiamo S. Margherita nel cuore. Nei fatti la vanità, l’arroganza, la prosopopea,.... Franco Santoro potrebbe passare il testimone a Tanino Bonifacio. E’ questa l’interpretazione data alla partecipazione di Bonifacio alla sagra del ficodindia che si.... Il giovane margheritese D.S., potrà continuare a frequentare a Roma la facoltà di scienze infermieristiche. Lo ha deciso il G.I.P. del tribunale di Nicosia che....