Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Il futuro sindaco ed il silenzio sul monopolio del cimitero di Santa Margherita di Belice
Il futuro sindaco ed il silenzio sul monopolio del cimitero di Santa Margherita di Belice
Il futuro sindaco ed il silenzio sul monopolio del cimitero di Santa Margherita di Belice admin
admin - mercoledì, 1 febbraio, 2012
Visualizzazioni: 100
News [1238]

Si muove la politica margheritese in vista delle prossime elezioni di maggio. Lentamente, ma si muove. Come la nave Costa Crociera, impigliata sugli scogli. Il raggruppamento che punta su Franco Valenti sindaco, farà il suo debutto pubblico il prossimo 5 febbraio. In prima file siederanno l’ex sindaco Giorgio Mangiaracina, gli ex assessori Matteo Raimondi, Giuseppe Valenti, Salvatore Morreale e Baldo Portolano. Prevista anche la presenza dell’ex presidente del consiglio comunale Gaspare Viola e l’ex presidente della cantina Corbera, Vito Bufalo. Prevista anche la presenza dell’ex consigliere comunale Nino Cicio. Non ci saranno invece Enzo Sarullo, Vincenzo Corsentino e Calogero Maggio. Hanno altre visione politiche.

Dall’altro lato, la compagine di Tanino Bonifacio, che ha ereditato parte dell’amministrazione di Franco Santoro, pare che abbia fatto nuovi acquisti: Santino Oliveri e Rosario Ciaccio. Dell’Amministrazioen Santoro restano in cerca di una “dimora” soltanto Leo Ventimiglia, Ignazio Bilello, Gaetano Riccobene e Pasquale Ambrogio. Quest’ultimo pare che abbia deciso di ritirarsi dalla scena politica per impegni personali. Leo Ventimiglia, malgrado         i diversi incontri, non riesce a coagulare attorno al suo nome abbastanza credito. Gaetano Riccobene, a sentire i bene informati, dovrebbe seguire la linea “politica” di Baldo Portolano. Ignazio Bilello, gravato dal fardello di Ignazio Abate, ha difficoltà ad individuare l’ultima “spiaggia”.

Intanto c’è da registrare la disgregazione del gruppo della “pizziata del 3 gennaio”: il gruppo che fa capo a Leo Artale e Paolo D’Antoni è ancora in cerca del “principe azzuzzo”, mentre il gruppo che si riconosce in Vincenzo Corsentino e Peppino Infantino, continua a puntare ad un governo misto tecnico-politico. Ma non registra alcun passo in avanti. Molti vorrebbero un candidato “dagli occhi azzurri”, da presentare alle “amiche”, ma debole di spina dorsale, per avere le mani libera in futuro. Fa paura la presenza di un eventuale “uomo forte”.

Intanto nessuno parla di programmi. Nessuno spiega come si comporterà, una volta eletto, in merito alla cosiddette “cartelle pazze” sugli oneri concessori. Come nessuno si pronuncia sul “monopolio” imposto sul cimitero di Santa Margherita di Belice, che risulterebbe contrario “ai principi generali, sia quelli posti dal diritto interno sia quelli scaturenti dal diritto europeo, che ostano alla creazione di situazioni di monopolio artificiale”, come ha sancito il Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione Sicilia (il parere integrale è riportato nella sezione Territorio&Burocrazia).

Belle rogne per le “anime belle” che si candidano senza sapere il perché.

                           
Articoli Correlati
Il contratto di appalto con il quale è stata affidata la gestione del cimitero del Comune di Santa Margherita di Belice presenta “consistenti elementi” in.... Grande pubblico per la proclamazione del candidato sindaco Franco Valenti. Circa duecento persone (malgrado il cattivo tempo) hanno gremito il teatro Sant'Alessandro di Santa.... Giorgio Mangiaracina ha dato la sua disponibilità a candidarsi per la carica di sindaco. Dopo il breve flirt con Franco Valenti ha valutato di essere il candidato giusto.... Riceviamo e pubblichiamo “Anche tu, Bruto, figlio mio”. Questo è quello che pare abbia pensato il sindaco Franco Santoro quando Salvatore Ferraro ed altri.... La santa candelora del due febbraio, oltre all’inverno, si è portata via anche la probabile candidatura dell’avv. Filippo Di Giovanna. Per la stagione....