Online il nuovo sito de "L'Araldo"
Scarcerati tre giovani margheritesi accusati di spaccio
Scarcerati tre giovani margheritesi accusati di spaccio
Scarcerati tre giovani margheritesi accusati di spaccio admin
admin - mercoledì, 25 gennaio, 2012
Visualizzazioni: 79
News [1238]

Scarcerati i tre giovani margheritesi che erano stati tratti in arresto il 5 gennaio scorso a Nicosia per presunto spaccio di stupefacenti. Il Giudice del riesame ha infatti accolto la richiesta dei difensori, e ieri (24 gennaio) ha disposto la scarcerazione. Questi i fatti. Il 5 gennaio a Nicosia, davanti una discoteca in cui stava per svolgersi un concerto, una pattuglia dei Carabinieri si è avvicinata alla macchina dei giovani margheritesi. Le forze dell’ordine hanno perquisito i quattro ragazzi  e la loro macchina. Sotto il sedile, i militare hanno trovato “canne” già confezionate e per questo hanno tratto in arresto i giovani. Il G.I.P. (giudice per le indagini preliminari) di Nicosia ha contestato lo spaccio di stupefacenti ed ha disposto la custodia cautelare in carcere presso l'istituto di Nicosia. Uno dei ragazzi, essendo minorenne, è stato assegnato all’istituto di Caltanissetta. Le ulteriori indagini, anche con perquisizioni a casa degli indagati, hanno dato esito negativo. Non è stato trovato nulla in riferimento a bilancini, taglierini carta argentata, tutte cose occorrenti per il confezionamento e lo spaccio di stupefacenti. E così è stata disposta la scarcerazione per tre ragazzi. Per il quarto ragazzo, M.D.G. – difeso dagli avv. Fiore e D’Alessandro - l'udienza è fissata per fine mese.

Abbiamo fatto rilevare – dice l’avv. Nino Gulotta - l'uso assolutamente personale delle “canne”. Come dimostrato anche attraverso l'esame tossicologico effettuato sui ragazzi e dalla modestissima quantità detenuta. Il Tribunale del riesame ha pienamente accolto le nostre tesi ed infatti ha scarcerato i nostri assistiti”.

D.S. è difeso dagli avvocati Nino Gulotta e Paolo Imbornone, mentre i fratelli C.M. e G.M sono difesi dagli avv. Salvino Barbera e Paolo Imbornone,

Con un minimo di buon senso – continua l’avv. Gulotta - la custodia cautelare in carcere poteva e doveva essere evitata. Abbiamo fatto rilevare già sin dall'inizio nell'udienza di convalida l'uso personale e quindi l'irrilevanza penale del fatto contestato. In più, le precise esposizione dei fatti da parte dei ragazzi dovevano essere prese in considerazione e così non è stato, facendo patire un'inutile custodia cautelare preventiva che non aveva alcun senso applicare. Ed infatti il tribunale ci ha dato ragione e ha stabilito che non sussistono nè le esigenze cautelari nè i gravi indizi di colpevolezza”.

                           
Articoli Correlati
Revocata la misura cautelare dell'obbligo di firma a carico di D.S., C.M. e G.M., i tre ragazzi margheritesi che il sei gennaio scorso, a Nicosia, sono stati accusati di.... Il giovane margheritese D.S., potrà continuare a frequentare a Roma la facoltà di scienze infermieristiche. Lo ha deciso il G.I.P. del tribunale di Nicosia che.... Tratto da Vivi Enna.it “Festa di istituto” presso la discoteca “Planet” di Nicosia, con la presenza di Babaman, uno degli artisti di punta della scena.... Riceviamo e pubblichiamo Sono un giovane che segue sui mezzi di informazione locale quello che accade a S. Margherita e devo dire che sono amareggiato e deluso per il silenzio.... di Francesco Graffeo Concerto dei giovani studenti margheritesi al teatro Garibaldi di Mazara del Vallo. L’incontro musicale ha coinvolto 19 alunni della cittadina del....